venerdì, Luglio 23

Hamas vs Stato Islamico field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Gaza, 19 luglio: tra le cinque e le sette esplosioni, praticamente simultanee, scuotono la domenica mattina (primo giorno della settimana nel mondo islamico). Gli obiettivi erano autovetture appartenenti a membri del braccio armato di Hamas (in particolare, uomini delle brigate Ezzedine al-Qassam e al-Quds) e del gruppo Jihad Islamica. Alcune delle esplosioni sono avvenute nel quartiere di Sheikh Radwan, considerata roccaforte di Hamas. Nonostante gli attentati non siano stati rivendicati, sono stati attribuiti ad affiliati dello Stato Islamico (IS).

Altri attentati simili erano stati rivendicati in precedenza da un gruppo definitosi ‘Sostenitori dello Stato Islamico a Gerusalemme’, come quello dell’8 maggio scorso, in una base di Hamas. Nella striscia di Gaza, un vigoroso giro di vite aveva portato all’arresto di decine di jihadisti salafiti e alla demolizione (o rimozione, trattandosi in realtà di una semplice tenda) di una moschea, presumibilmente frequentata da militanti dell’IS.

Gruppi salafiti sono emersi a Gaza sin dal 2006 e hanno sempre avuto una relazione conflittuale con Hamas, che, nel 2007, ha sottratto il territorio della striscia al controllo di Fatah. Il gruppo takfiri (altra declinazione del Salafismo e del Wahhabismo) Jund Ansar Allah si stabilì a Rafah sin dal 2008. Per bocca di AbdulLatif Moussa, il gruppo denunciò l’applicazione non rigorosa della Sharia da parte di Hamas, equiparando l’organizzazione palestinese all’occupante sionista. Accusata di secolarismo, pur essendo, come noto, un’emanazione dei ‘Fratelli Musulmani’, Hamas imbracciò le armi contro Jund Ansar Allah. Il gruppo takfiri lanciò attacchi non solo contro Hamas e Israele (con scarso successo) ma anche contro luoghi pubblici ritenuti immorali, come gli internet cafè.

Hamas attaccò allora il quartier generale del gruppo, la moschea Ibn Taimiyah. Lo scontro, prolungato e sanguinoso, portò al massacro dei militanti di Jund Ansar Allah. Anche Hamas subì numerose perdite.

Ma quali sono le differenze tra Hamas e i Salafiti o Takfiri che li collocano su fronti opposti in una lotta sanguinaria e irriducibile?

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->