venerdì, Maggio 20

Hamas vede la Malesia come una possibile base operativa Il gruppo non ha posto dove andare in Medio Oriente se la Turchia lo espelle o riduce gravemente le sue attività e presenza nel Paese

0

La Malesia è emersa come una potenziale base operativa esterna per Hamas, il gruppo islamista che controlla la Striscia di Gaza se la Turchia espelle o limita i movimenti del gruppo come parte del suo riavvicinamento con Israele.

La Turchia negli ultimi mesi ha espulso gli attivisti di Hamas o ha rifiutato loro l’ingresso nel paese mentre cercava di migliorare le sue relazioni travagliate con Israele, secondo quanto riportato dalla stampa israeliana.

Le relazioni turco-israeliane sono state tese da quando le forze israeliane hanno preso d’assalto una flottiglia nel 2010 diretta verso Gaza nel tentativo di rompere un blocco israelo-egiziano. Nove attivisti sono stati uccisi e dieci soldati israeliani sono rimasti feriti nell’incidente. La flottiglia è salpata dalla Turchia ed è stata noleggiata da una ONG turca.

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha visitato Ankara a marzo, diventando il primo presidente israeliano a farlo in 15 anni. In un vertice con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, entrambi i leader si sono impegnati ad aprire un nuovo capitolo nella relazione.

I resoconti della stampa suggerivano che gli agenti di Hamas espulsi fossero stati su una lista israeliana presentata alla Turchia di individui coinvolti nelle attività armate del gruppo in violazione dei loro termini di residenza in Turchia. Saleh al-Arouri, vice capo dell’ufficio politico di Hamas ed ex comandante militare, sarebbe stato tra gli espulsi.

Fonti vicine ad Hamas avvertono che un ritiro del sostegno al gruppo minerebbe gli sforzi turchi di posizionarsi come paladino delle cause musulmane, in primis la Palestina, in un momento in cui è in competizione per la leva geopolitica e il soft power religioso nel mondo musulmano .

“Tukey sa che una rottura con Hamas danneggerebbe la sua immagine. Inoltre, non dimenticare che la Palestina rimane una questione emotiva nella stessa Turchia”, ha affermato una fonte
Israele ha chiesto a lungo che la Turchia, che ha concesso la cittadinanza turca ad alcuni leader di Hamas, reprimesse il gruppo come parte di qualsiasi miglioramento delle relazioni.

All’inizio di questa settimana, Al Mekalemeen, una stazione televisiva affiliata ai Fratelli Musulmani, ha dichiarato che avrebbe interrotto le sue operazioni in Turchia “a causa di circostanze che tutti conoscono”. Al Mekalemeen non ha specificato le circostanze.

La Turchia aveva in precedenza iniziato a limitare i media dell’opposizione egiziana che si erano riversati a Istanbul o si erano stabiliti di recente nella città poiché è emersa come una Mecca per l’opposizione e i dissidenti del Medio Oriente principalmente islamisti.

Hamas è ampiamente visto come una propaggine dei Fratelli Musulmani.

Le mosse anti-islamiste fanno parte di più ampi sforzi turchi per migliorare le relazioni con i suoi detrattori del Medio Oriente, non solo Israele ma anche Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti ed Egitto, dove il generale diventato presidente Abdel Fatah Al-Sisi è caduto nel 2013 un governo di Fratellanza eletto democraticamente con il sostegno di Arabia Saudita ed Emirati.

L’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno designato i Fratelli musulmani come organizzazione terroristica. L’anno scorso, il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed ha invitato i paesi occidentali a identificare Hamas nella sua totalità piuttosto che solo nella sua ala militare come organizzazione terroristica.

Israele ed Egitto hanno bloccato Gaza dal 2005, quando le truppe israeliane si sono ritirate dalla Striscia conquistata durante la guerra in Medio Oriente del 1967. Hamas ha preso il controllo della regione nel 2007 in scontri armati con il suo rivale Al Fatah dopo aver vinto per un soffio le elezioni nel 2006. Il presidente palestinese Mahmood Abbas guida Al Fatah.

Per ironia della sorte, Hamas mantiene un certo sostegno dal Qatar con il tacito accordo di Israele.
Si ritiene che Ismail Haniyeh, uno dei leader più importanti di Hamas, rimanga residente nello stato del Golfo, dove incontra pubblicamente dignitari in visita come il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian e palestinesi della Cisgiordania. Il funzionario di Hamas ha anche incontrato due volte negli ultimi tre anni con l’emiro del Qatar Tamim bin Hamad Al Thani.

Tuttavia, è improbabile che il Qatar permetta al gruppo di ristabilirsi dopo che lo stato del Golfo lo ha costretto a trasferirsi in Turchia come parte di un accordo del 2014 che ha portato al ritorno degli ambasciatori saudita, degli Emirati e del Bahrain a Doha. Gli ambasciatori si erano ritirati in segno di protesta contro il presunto sostegno del Qatar agli islamisti.

Di conseguenza, la Malesia è emersa come una potenziale base perché il gruppo non ha posto dove andare in Medio Oriente se la Turchia lo espelle o riduce gravemente le sue attività e presenza nel paese.

Se costretto a trovare un’altra base, le scelte di Hamas ricordano quelle che il leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina Yasser Arafat dovette affrontare nel 1982 quando le truppe israeliane costrinsero i combattenti palestinesi a lasciare Beirut.

A quel tempo, la Tunisia, la nuova patria dell’OLP, sembrava molto lontana dalla Palestina ma era almeno un paese arabo. La Malesia sembrerebbe non solo geograficamente ma anche culturalmente più lontana dalla Palestina rispetto alla Tunisia.

Anche così, Hamas gode del sostegno pubblico in Malesia.

“Hanno già una base sostanziale qui. Non solo nella forma dell’Organizzazione culturale palestinese Malaysia, ma anche altri impiegati nelle università e come professionisti. Quindi, qualsiasi cosa al di fuori di una base, comunque concepita, andrebbe bene”, ha affermato una fonte malese ben piazzata.

Alcuni analisti hanno affermato che l’organizzazione culturale, o PCOM, è stata ampiamente considerata come l'”ambasciata” di Hamas in concorrenza con l’ambasciata palestinese ufficiale controllata da Al Fatah a Kuala Lumpur. Il PCOM è stato fondato dopo che Al Fatah ha rifiutato di lasciare l’ambasciata dopo le elezioni del 2006.
Il mese scorso il ministro degli Esteri malese Sri Saifuddin Abdullah ha twittato su una telefonata con il signor Haniyeh, il leader di Hamas con sede in Qatar.

La ben piazzata fonte malese ha affermato che le forze di sicurezza del Paese potrebbero opporsi alla concessione di un maggiore margine di manovra ad Hamas in Malesia. Le forze di sicurezza in alcune altre nazioni del sud-est asiatico probabilmente sosterrebbero le loro controparti malesi.

Le preoccupazioni per la sicurezza sarebbero probabilmente incentrate sui timori che una maggiore presenza di Hamas possa trasformare la Malesia in un campo di battaglia mediorientale. Israele è considerato responsabile dell’uccisione nel 2018 a Kuala Lumpur di un docente universitario palestinese e attivista ritenuto un agente di Hamas.

Hamas ha utilizzato il suo centro culturale a Kuala Lumpur per mantenere contatti non ufficiali con varie nazioni del sud-est asiatico che non vogliono essere viste parlare con il gruppo a causa delle loro relazioni con Israele, della loro opposizione all’Islam politico e/o della loro posizione in Europa e negli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno designato Hamas come organizzazione terroristica.

Né l’Indonesia né la Malesia, i principali paesi a maggioranza musulmana del sud-est asiatico, hanno legami diplomatici con Israele. Tuttavia, la Malesia è più stridente nella sua opposizione allo stato ebraico, nel sostegno ai palestinesi e, a volte, nelle dichiarazioni antisemite, in particolare del suo ex primo ministro, Mahathir Mohamad.

A dire il vero, è ancora agli inizi del riavvicinamento tra Turchia e Israele, in un momento in cui gli sforzi più ampi per ridurre le tensioni regionali rimangono fragili. Inoltre, con i negoziati tra Stati Uniti e Iran per rilanciare l’accordo internazionale del 2015 che ha frenato il programma nucleare della Repubblica islamica apparentemente a un punto di rottura, le tensioni potrebbero facilmente sfuggire al controllo.
Il mancato accordo su un ritorno all’accordo, dal quale gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente nel 2018, potrebbe gettare in tilt il riavvicinamento israelo-turco.

Inoltre, il mese scorso il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha avvertito che “relazioni sostenibili” tra Israele e Turchia richiederebbero a Israele di “rispettare il diritto internazionale sulla questione palestinese”. Il signor Cavusoglu non ha spiegato a cosa si riferiva, ma dovrebbe visitare Israele alla fine di questo mese.

 

 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->