mercoledì, Dicembre 1

Guterres e la guerra dimenticata nella Repubblica Centrafricana Il numero di rifugiati e sfollati in fuga dalla violenza ha superato il milione di persone, quasi un quarto della popolazione

0

E’ iniziato il viaggio del segretario dell’Onu Antonio Guterres nella Repubblica Centrafricana. Il momento più atteso la visita nella città di Bangassou, nel sud del Paese, teatro la scorsa settimana di violenze ‘di grossa entità’ che hanno provocato la morte di decine di civili, come denunciato dal portavoce della missione Minusca, Vladimir Monteiro.

Le violenze sarebbero scoppiate fra le milizie dell’Unità per il Centrafrica (Upc) e il Fronte popolare per la rinascita del Centrafrica (Fprc), gruppi rivali in seno alle milizie islamiste ex Seleka. A seguito dell’intensificarsi delle violenze, alla vigilia della missione lo stesso Guterres aveva chiesto un rafforzamento della missione Minusma attraverso il dispiegamento di ulteriori 900 uomini.

Per Guterres, «la Repubblica Centrafricana è molto lontana dall’attenzione della comunità internazionale. Il livello di sofferenza del popolo, ma anche le tragedie subite dagli organismi umanitari e dai facilitatori di pace meritano una maggiore solidarietà e attenzione».

E i dati che arrivano dal Paese sono sconfrotanti. Secondo una relazione dell’Onu, almeno 133 civili sono stati uccisi da gruppi armati in due province del Paese tra il novembre 2016 e il febbraio 2017. Il numero di rifugiati e sfollati in fuga dalla violenza ha superato il milione di persone, quasi un quarto della popolazione, tra cui 513 mila rifugiati nei Paesi vicini e circa 600 mila sfollati all’interno del Paese.

Inoltre la metà degli abitanti dipende ormai dall’aiuto umanitario e più di tre quarti dei 4,7 milioni di persone sono in stato di povertà estrema, secondo la Banca mondiale.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->