domenica, Aprile 18

Gulen, Turchia continua il pressing sugli Usa per l’estradizione

0

Gli Usa dovrebbero almeno mettere agli arresti domiciliari Fethullah Gulen, l’imam che vive in auto-esilio in Pennsylvania dal 1999 e che Ankara ritiene essere la ‘mente’ del fallito golpe in Turchia del 15 luglio 2016. A dirlo il vice primo ministro turco, Numan Kurtulmus, che si è rifatto sotto chiedendo a Washington l’estradizione.

«Quello che stiamo dicendo alle autorità statunitensi è che la natura delle nostre relazioni, la nostra alleanza nella Nato, le nostre alleanze strategiche in Medio Oriente, la storia delle relazioni e dell’amicizia turco-americana richiedono che questo uomo (Gulen, ndr) venga immediatamente arrestato», ha ribadito Kurtulmus, secondo cui è inaccettabile che il «leader di un’organizzazione assassina con le mani sporche di sangue» possa continuare a svolgere le sue attività dagli Usa.

Intanto in una intervista Gulen ha confermato di aver incontrato in esilio molte persone, tra cui l’ex presidente turco Abdullah Gul e Hakan Fidan, attuale capo dell’agenzia di spionaggio turca MIT. «Ci sono foto di me con tutti. Quindi fare affermazioni sulla base della visita di qualcuno e di fotografie con me è solo insensato», ha ripetuto Gulen.

Nel frattempo il governo di Ankara ha annunciato che i sospetti golpisti appartenenti a Feto, l’organizzazione di Fethullah Gulen, dovranno indossare una divisa apposita ogni volta che dovranno comparire in tribunale. «I nostri tribunali stanno agendo in linea con il principio dello stato di diritto, ma è opportuno che i sospetti seguaci di Feto vi indossino delle divise. Le disposizioni saranno decise dal nostro ministero della Giustizia», ha affermato Kurtulmus.

La misura scaturisce dal dibattito che si è accesso in Turchia dopo che un imputato, accusato di aver partecipato al tentativo di golpe, si è presentato davanti al giudice indossando una maglietta con la scritta ‘eroe’.

(video tratti dal canale Youtube di France 24)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->