domenica, Ottobre 24

Guglielmo Epifani, una vita a sinistra Un uomo mite, dai toni pacati, un intellettuale, come una volta erano gli uomini di sinistra, fu il primo socialista a diventare segretario della CGIL dal 2002 al 2010 e anche, per un breve periodo, del Pd

0

La scomparsa di Guglielmo Epifani è stata accolta con generale commozione presso l’opinione pubblica.

Uomo mite e dai toni pacati, segretario della Cgil dal 2002 al 2010 e anche –per un breve periodo del Pd–  fu vice di Bruno Trentin e Sergio Cofferati prima di diventare segretario lui stesso.

Fu un intellettuale come una volta erano gli uomini di sinistra. Laureato in filosofia con una tesi su Anna Kuliscioff. Sembra un secolo fa.

Fu lui nel 2002, appena eletto sulla plancia del più grande sindacato italiano, a indire durante il congresso della Cgil, la grande manifestazione che portò 3 milioni di lavoratori a manifestare nella storica Piazza San Giovanni a Roma contro la decisione del governo Berlusconi di abolire l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori fatto da un altro socialista, Gino Giugni.

Per uno di quei tanti paradossi di cui è infarcita la Storia fu proprio un segretario del Pd come lui e subito dopo di lui e poi premier, Matteo Renzi, ad abolire quella tutela storica.

Ed altra contraddizione storica -che fa parte però dell’umano- fu il suo voto, da deputato, a favore proprio dell’abolizione dell’articolo 18 nel Jobs Act voluto da Renzi.

Il leader Cgil Maurizio Landini ha dichiarato: «Epifani è stato un grande sindacalista, un politico bravo, competente lucido e raffinato, lascia un vuoto incolmabile».

Epifani fu il primo socialista a guidare la Cgil e questa la cifra politica per cui sarà ricordato. Il suo agire fu moderato nella componente ideologica, ma proattivo in quella pragmatica, ed infatti il mega raduno di Piazza San Giovanni sta a dimostrarlo.

Faceva parte di quei socialisti che non disdegnavano poi azioni forte e concrete nella società. Era ancora attivo in politica essendo stato eletto con Liberi e uguali nell’attuale legislatura.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista professionista e scrittore. Laureato in Fisica. E’ stato anche deputato della Repubblica.

End Comment -->