mercoledì, Maggio 25

Guerra russa in Ucraina e il precedente in Georgia I molti parallelismi tra la situazione di oggi e quella dell'agosto 2008, che vide la Russia dichiarare guerra alla Georgia e riconoscere l'indipendenza delle sue due entità separatiste

0

Il 24 febbraio, l’esercito russo è entrato illegittimamente in Ucraina da est, nord e sud. Una delle principali considerazioni invocate da Vladimir Putin nel suo discorso alla Nazione per giustificare questa offensiva è stata la necessità di proteggere gli abitanti delle due repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk, sfuggiti da anni al controllo del governo di Kiev -un governo che Mosca considera un burattino nelle mani dell’Occidente.
Se sostituiamo nella frase precedente Donetsk e Lugansk con Abkhazia e Ossezia del Sud, e Kiev con Tbilisi, troviamo praticamente la situazione dell’agosto 2008, che vide la Russia dichiarare guerra alla Georgia e riconoscere l’indipendenza delle sue due entità separatiste.
Quali lezioni possiamo trarre da questo precedente per analizzare la crisi attuale?

L’URSS era composta da quindici ‘Repubbliche Socialiste’. Ognuna di queste Repubbliche ospitava al suo interno enti di vario grado, il più alto dei quali era quello di ‘Repubblica Autonoma’.
Quando l’Unione fu smantellata, le quindici repubbliche socialiste che la costituivano -Russia, tre Paesi baltici, Bielorussia, Ucraina e Moldova da parte europea; Armenia, Azerbaigian e Georgia nel Caucaso; i ‘cinque Stan’ dell’Asia centrale, cioè Kazakistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Kirghizistan e Tagikistan- sono diventati tanti Stati indipendenti, entro i confini che erano loro ai tempi dell’URSS.
In epoca sovietica,
la Georgia era una repubblica socialista. L’Ossezia del Sud, popolata da osseti, un popolo distinto dalla maggioranza dei georgiani, era una repubblica autonoma all’interno della Georgia. Grazie allo smembramento dell’URSS, proclamò un’indipendenza che Tbilisi (la capitale georgiana) non riconosceva.
Zviad Gamsakhourdia, alla guida della Georgia dal 1990, ha attuato una politica nazionalista che ha rapidamente privato l’Ossezia del Sud di elementi della sua relativa autonomia rispetto a Tbilisi.
Le tensioni tra georgiani e osseti culminarono in un conflitto armato nella primavera del 1991. Con l’elezione di Edouard Shevardnadze a presidente della Georgia nel marzo 1992 e il dispiegamento di una forza di pace -composta da georgiani, osseti e russi- il conflitto si sta stabilizzando.
Allo stesso tempo,
nella regione dell’Abkhazia, anch’essa Repubblica Autonoma all’interno della Repubblica Socialista di Georgia durante il periodo dell’URSS, un conflitto simile scoppiò tra abkhazi e georgiani nell’agosto 1992. Anche lì la Russia si impose in qualità di ‘mediatore’, e le tre parti convengono di schierare una tripla forza di mantenimento della pace e di disarmare la zona di conflitto.
La guerra, tuttavia, continuò per diversi mesi fino alla firma di un nuovo cessate il fuoco il 14 maggio 1994.
All’inizio degli anni ’90, nonostante la nuova indipendenza della Georgia, la Russia era quindi ancora in grado di dispiegare truppe in questo territorio e di mantenervi una presenza militare, con il pretesto di missioni di mantenimento della pace. Ma al vertice dell’OSCE tenutosi a Istanbul nel
1999,Georgia e Russia hanno deciso di chiudere definitivamente le basi militari russe situate sul territorio georgiano. I soldati russi lasceranno finalmente queste basi nel novembre 2007.

Nel 2003 e nel 2004, la Georgia ha vissuto una crisi politica -la ‘rivoluzione delle rose‘- a seguito della quale il Presidente Shevardnadze è stato sostituito da Mikheil Saakashvili, che ha poi cercato di convincere la Georgia a unirsi alla NATO e all’Unione Europea.
A Mosca, questa svolta è percepita come un colpo di Stato organizzato dall’Occidente per destituire Shevardnadze e mettere a capo del governo georgiano un presidente decisamente rivolto alle strutture euro-atlantiche (dieci anni dopo, la stessa lettura venne fatta degli eventi del Maidan in Ucraina). All’epoca, il rappresentante russo presso la NATO, Dmitry Rogozin, affermò addirittura apertamente che se la Georgia avesse ottenuto una reale prospettiva di adesione all’Alleanza, le repubbliche osseta e abkhaza avrebbero immediatamente proclamato la loro indipendenza.
Nell’
agosto 2008, a seguito di numerosi scontri tra osseti e georgiani, è scoppiato un nuovo conflitto. L’esercito georgiano avanza nel territorio osseto fino a quando la Russia non interviene militarmente e si impegna contro le truppe georgiane. L’esercito russo bombardò diverse città georgiane vicino al confine con l’Ossezia e distrusse rapidamente la maggior parte delle forze navali di Tbilisi e le sue difese antiaeree. Il 12 agosto 2008, anche gli abkhazi hanno lanciato un’offensiva contro le truppe georgiane nella regione della gola di Kodori.
A 14 giorni dall’inizio delle ostilità, la Russiariconosce l’indipendenza dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia. Mosca ha quindi ritirato i suoi soldati dal resto del territorio georgiano. Tuttavia, l’esercito russo rimane presente nei territori osseti e abcasi.
Questa guerra in Georgia ha permesso al Cremlino di raggiungere diversi obiettivi. In primo luogo, attraverso il suo attacco alle basi militari, all’aviazione e alla marina georgiane, la Russia ha notevolmente indebolito le capacità militari di Tbilisi. Questa campagna ha anche messo alla prova le relazioni NATO-Georgia.
La guerra del 2008 pose fine alla possibilità che Tbilisi entrasse a far parte della NATO nel prossimo futuro.
La Russia alla fine ottenne il diritto di avere una base militare e truppe di stanza permanente in ciascuna delle nuove repubbliche. La sua presenza militare in Georgia è quindi assicurata.

Si possono tracciare molti parallelismi tra le guerre in Georgia e in Ucraina.
In entrambi i casi la Russia è intervenuta sul territorio delle ex repubbliche sovietiche, legittimando i propri interventidalla necessità di difendere la sicurezza delle popolazioni ritenute favorevoli a Mosca contro il governo in atto.
Legalmente, la Russia basa i suoi due interventi su argomenti paragonabili alle ragioni invocate dalla NATO per bombardare Belgrado nel 1999, e per assistere il processo di indipendenza del Kosovo. Come spiegano Pierre Jolicoeur e Aurélie Campana circa la guerra in Georgia: «È anche un conflitto sorto nel processo di decomposizione di uno Stato comunista federale per il quale l’etnicità era uno dei principi organizzativi della vita politica. Sia in Kosovo che nei casi attuali nella CSI, le relazioni centro-periferia sono al centro del conflitto: la soppressione dell’autonomia politica da parte dell’autorità centrale è all’origine dei conflitti in Kosovo e Ossezia del Sud. Sud, mentre il desiderio aumentare l’autonomia, anche cercare l’indipendenza, è la fonte dei conflitti in Abkhazia». Nel suo discorso del 18 marzo 2014 davanti alla Duma russa, Vladimir Putin afferma anche che ciò che è stato consentito ai kosovari nel 1999 dovrebbe essere consentito alla Crimea e alla sua popolazione. Come il Kosovo, la Crimea ha diritto al riconoscimento della sua indipendenza dalla comunità internazionale. Aveva tracciato lo stesso parallelo alcuni anni prima per giustificare il riconoscimento da parte della Russia dell’indipendenza dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia.
Nel 1999, durante il bombardamento in Serbia, la Russia non disponeva dei mezzi economici e militari necessari per opporsi alla NATO. Nel 2008 in Georgia, e nel 2014 poi nel 2022
in Ucraina, Mosca vuole dimostrare di essere ancora una volta una grande potenzacapace di difendere quelli che percepisce essere i suoi interessi.
I conflitti in Georgia sono stati rapidamente interrotti da cessate il fuoco e negoziati tripartiti tra cui Tbilisi, Mosca e i rispettivi rappresentanti delle repubbliche osseta e abkhaza.

Dopo i primi bombardamenti contro basi militari, l’aviazione e la marina ucraina, Mosca sembra voler almeno raggiungere gli stessi obiettivi della Georgia nel 2008, ovvero ratificare la perdita da parte dell’avversario di due regioni separatiste, ridurre considerevolmente le sue capacità militari negli anni a venire e ottenere garanzie a lungo termine sulla sua successiva non appartenenza alla NATO.
A differenza della Georgia, la comunità internazionale ha risposto rapidamente all’invasione della Crimea nel 2014 imponendo sanzioni alla Russia. Ha reagito nuovamente il 24 febbraio 2022, giorno dell’invasione dell’Ucraina, imponendo nuove e ben più severe sanzioni. Negli ultimi otto anni le sanzioni non sono state sufficienti a respingere la Russia, né sono riuscite a prevenire l’attuale invasione. Questa volta, non è impossibile che la severità delle nuove sanzioni costringa Mosca a cercare una soluzione al tavolo dei negoziati piuttosto che con le armi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->