mercoledì, Maggio 12

Guatemala: un museo insegna ai piccoli l’importanza degli uccelli Insegnamento al museo: in Guetemala l'educazione passa da qui

0

In Calle Santander a Panajachel, in Guatemala, Richard Rivera, ha realizzato nel suo sogno di creare un museo d’arte con protagonisti gli uccelli. Si trova in un piccolo centro commerciale, dove si notano murales di uccelli grandi, splendidamente dipinti a mano sul muro verso il lato posteriore sinistro.

Richard organizza tour con spiegazioni sulla botanica, la medicina e la zoologia secondo Carl Linnaeus del XVIII secolo, padre della tassonomia il cui sistema di denominazione e classificazione degli organismi è in uso sin dal 1740. Questo metodo di classificazione degli uccelli imposta l’ordine anche in questo museo. Muovendosi in senso antiorario attorno al giardino, ci sono foto, dipinti e incisioni di alcune delle 440 specie di uccelli segnalate sopra e intorno al lago Atitlan. Si inizia con gli uccelli del lago e della riva; i dipinti sul muro dietro ogni gruppo rappresentano l’habitat della specie. Tra le foto ci sono modelli incredibilmente realistici ed intagliati a mano.

Ma la visione di Richard comprende anche altro: usare l’arte per insegnare agli studenti l’importanza degli uccelli per la cultura locale. Basta notare gli huipiles delle donne o i pantaloni indossati dagli uomini di Santiago Atitlán, per avere un’idea di quanto gli uccelli significhino per la cultura locale. Nella chiesa della città, c’è persino una scultura sul pulpito di una lettura di quetzal dalla Bibbia. I bambini imparano anche il ruolo importante degli uccelli nell’agricoltura, specialmente nella produzione di caffè coltivato all’ombra, ora cosa fondamentale visto che i migliori marchi portano l’etichetta ‘bird-friendly‘.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->