sabato, Ottobre 16

Greece: admission fees to museums and sites rose field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Athens – The Central Archaeological Council approved last Wednesday admissions fees’ rise in Greek museums and archaeological sites. A few days ago, the Minister of Culture, Aristides Baltas, stated that the increases in fees aim at covering part of the equivalent in order not to impose 23% VAT on private education.

In the Acropolis of Athens, the new ticket will cost 20 euros (reduced at 10 euros) instead of 12 € and 6 € which is the price today.  This price will include the visit to the north and south side, while it’s not discussed yet the idea of the single ticket, like any other monument. Likewise in the archaeological site of Knossos, a space with increased attendance, the ticket price will rise from 15 euros (8 reduced) to 6 euros (3 reduced). The ticket in the Archaeological Museum in Epidavros will cost 12 euros (6 reduced) instead of 8 euros and 6 reduced, which the visitor is currently asked to pay.

With regards to the museums, there will be rises in entrance fees of the so-called emblematic Museums, like the National Archaeological Museum and the Archaeological Museum of Heraklion, where the price is 10 euros (5 reduced ticket). Admission feed will be doubled in the Byzantine and Christian Museum of Athens to 8 euros. The new prices will be in forced from January 1, 2016 and only for the summer period ( from April to October), while the winter months there will 50% reduction in order to allow ” everyone, especially the Greeks, visiting archaeological sites and museums at a low price”.

There were main negative reactions to this news, the first coming from the Association of Emergency Archaeologists, who in their announcement estimate that the entrance fees’ rise will lead to the exclusion of financially weaker groups from the places of culture.

Matoula Scaltsa, Professor of History of Art and Museology in the Aristotle University of Thessaloniki and President of the Greek Museologists replied to our questions.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->