sabato, Settembre 18

Grecia, sindacati in piazza contro l’accordo governo-creditori

0

In Grecia il primo maggio è stato un giorno di protesta. Centinaia di persone sono scese in strada nel centro di Atene per la manifestazione indetta dal principale sindacato del settore privato, Gsee, e da quello del settore pubblico, Adedy, per protestare contro le misure previste dall’accordo fra governo greco e creditori internazionali.

A muoversi in contemporanea per altre manifestazioni anche le altre organizzazioni sindacali come Pame, così come la sinistra extraparlamentare. Il Gsee ha chiesto ai suoi iscritti di tenere uno sciopero di 24 ore oggi, prima dello sciopero generale che entrambi i sindacati hanno indetto per il 17 maggio.

Nel frattempo il governo di Atene e i creditori sono tornati al tavolo dei negoziati per raggiungere un accordo sulla seconda valutazione del programma di salvataggio. Le due parti sono vicine a un accordo per mantenere i controlli della spesa pubblica e si spera di arrivare ad un accordo entro domenica. E le condizioni a cui si arriverà non sono buone per la Grecia e i suoi cittadini: si parla di ulteriori tagli alle pensioni e aumenti delle imposte. E per una popolazione che viene già da sette anni di sacrifici, sembra davvero arrivato il momento di dire basta.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->