mercoledì, Settembre 22

Grecia: il turismo a rischio migranti field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Le immagini trasmesse dai media influiscono sul turismo in entrata?

In occasione di una conferenza che ho organizzato nel 2015, un collega egiziano ha presentato un articolo nel quale si calcolava l’impatto sul turismo di ogni singola parola negativa trasmessa dai media. Chiaramente, qualunque proiezione di notizie negative significa automaticamente perdita di turisti.

Invece la negoziazione con la UE, con i creditori del debito greco influisce sugli arrivi del turismo in entrata?

Il processo di negoziazione non genera incertezza tra i turisti. La negoziazione era in corso già negli ultimi sei anni, durante i quali gli arrivi di turisti in Grecia hanno superato ogni singolo record.

Verso quale Paese si dirigeranno coloro che annulleranno le loro vacanze in Grecia per paura del terrorismo? Una relazione pubblicata nel quotidiano britannico The Telegraph sostiene che i turisti “spaventati” opteranno per la Spagna.

Sono d’accordo con ‘The Telegraph‘. Quest’anno la Grecia, come potenziale destinazione, affronta i problemi che abbiamo citato sopra, mentre la Spagna è una soluzione sicura e conveniente, con grandi strutture ricettive, lontana dai problemi delle migrazioni e non collegata ad attacchi terroristici. Date la riluttanza dei turisti rispetto ai lunghi viaggi in aereo e la situazione dei mercati turistici del Mediterraneo, ritengo che la Spagna sarà la soluzione per le vacanze estive di una porzione considerevole del mercato europeo.

Quest’anno, su che cosa deve scommettere la Grecia, a parte la classica ricetta ‘sole e mare’, per far aumentare il flusso di turisti?

Questa ricetta porta in Grecia 15-20 milioni di turisti ogni anno. Indubbiamente è necessario promuovere nuove forme di turismo, rispettando al contempo questa ricetta tradizionale, il cui miglioramento non va trascurato. Tuttavia, dobbiamo prendere in considerazione il fatto che, quando un certo tipo di clientela mostra una riduzione nella domanda, esso non può essere sostituito da un altro tipo di clientela. I sostenitori del cambiamento della clientela turistica in Grecia ignorano le leggi del mercato e possono essere considerati pericolosi.

 

Traduzione Stefania Dell’Anna

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->