venerdì, Maggio 7

Grecia, da Tilos parte la rivoluzione solare Grazie a un progetto europeo, l’isoletta greca potrà raggiungere l’autosufficienza energetica grazie esclusivamente alle fonti rinnovabili

0

L’isola di Tilos, conosciuta anche come Piscopi, si appresta a diventare anche un paradiso green. E un esempio per tutta la Grecia (e non solo). Grazie a un progetto europeo, l’isoletta greca potrà raggiungere l’autosufficienza energetica grazie esclusivamente alle fonti rinnovabili.

Parliamo di un territorio di 63 chilometri quadrati abitato da solo 535 persone ma ricchissimo di biodiversità: la quasi totalità della superficie è una riserva naturale, dove vivono 150 specie di uccelli e 650 tipi diversi di piante. Ad oggi Tilos ha ricavato energia grazie ad un oleodotto sottomarino, collegato a Kos. Ecco però che ora ci si prepara a questa rivoluzione solare che potrebbe essere davvero importante, anche dal punto di vista culturale e non solo economico.

Tilos ha deciso quindi di partecipare a un bando europeo con il progetto Technology Innovation for the Local Scale e si è aggiudicata il premio Ue per l’energia sostenibile nella categoria ‘Isole dell’energia’. Investiti qui 15 milioni di euro per finanziare un progetto pilota, rientrante nel programma ‘Horizon 2020’, che coinvolge 13 partner da 7 Paesi, inclusa l’Italia, sotto la guida dell’Università del Pireo. L’obiettivo finale del progetto è quello di estendere l’esperimento, promuovendo l’autosufficienza energetica grazie alle rinnovabili, a tutte le isolette d’Europa. E chissà, in futuro, a tutta Europa.

Cuore del progetto lo sviluppo di una batteria ibrida in grado di immagazzinare l’energia rinnovabile e di distribuirla su una microrete smart. «L’intero sistema che abbiamo finora installato e quello a cui stiamo lavorando», spiega John Kaldellis, dell’Università del Pireo, a Euronews, «possono fornire una potenza di quasi 1000 kilowatt: 800 dall’energia eolica e 160 dall’energia solare. Cosi si potrebbero coprire le esigenze di corrente elettrica dell’isola anche nel picco della stagione turistica in agosto».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->