Gran Bretagna: vendite per i saldi in calo? Vi sono discordanti e differenti dati sull'aumento percentuale di merce e prodotti venduti in Gran Bretagna

Secondo uno dei più grandi rivenditori di merce e prodotti del Regno Unito, che sta valutando i suoi dati di vendita per il periodo natalizio, come riferisce su ‘BloombergBusiness‘ Caroline Hyde nel suo programma ‘Countdown‘, le vendite dei prodotti a prezzo pieno e non quelle legate ai cosiddetti saldi invernali hanno visto un aumento dello 0,4% totale rispetto allo scorso anno. Tale crescita si è riscontrata soprattutto nelle zone est della Gran Bretagna con un +5,8% totale rispetto ai dati relativi allo stesso periodo del 2014-2015.

Tuttavia i dati non concordano con la recente analisi riportata sul sito di ‘The Guardian’ che ha messo in evidenza i dati di ‘Retailer’, una catena di un gruppo di negozi britannici, come una performance di vendite deludente nel periodo di Natale, colpite dal clima insolitamente caldo in novembre e dicembre oltre che da ingenti precipitazioni. Tale catena ha abbassato la sua guida utili per l’intero anno perché si ritiene colpito da una cattiva disponibilità di magazzino e da competitività altissima degli acquisti fatti tramite mercato on-line (infatti le vendite della catena sono diminuite del 0,5% tra il 26 ottobre e il 24 dicembre 2015, ma il Reparto Vendita è aumentato su certe merci di prima necessità del 2%, con totale aumento del 0,4%, inferiore alle previsioni di circa il 4%).

Il video che proponiamo parla delle vendite in Gran Bretagna nei grandi retails nel periodo di Natale 2015.

(tratto dal sito internet di ‘DailyMailOnline’)