lunedì, Maggio 17

Gran Bretagna: vendite per i saldi in calo? Vi sono discordanti e differenti dati sull'aumento percentuale di merce e prodotti venduti in Gran Bretagna

0

Secondo uno dei più grandi rivenditori di merce e prodotti del Regno Unito, che sta valutando i suoi dati di vendita per il periodo natalizio, come riferisce su ‘BloombergBusiness‘ Caroline Hyde nel suo programma ‘Countdown‘, le vendite dei prodotti a prezzo pieno e non quelle legate ai cosiddetti saldi invernali hanno visto un aumento dello 0,4% totale rispetto allo scorso anno. Tale crescita si è riscontrata soprattutto nelle zone est della Gran Bretagna con un +5,8% totale rispetto ai dati relativi allo stesso periodo del 2014-2015.

Tuttavia i dati non concordano con la recente analisi riportata sul sito di ‘The Guardian’ che ha messo in evidenza i dati di ‘Retailer’, una catena di un gruppo di negozi britannici, come una performance di vendite deludente nel periodo di Natale, colpite dal clima insolitamente caldo in novembre e dicembre oltre che da ingenti precipitazioni. Tale catena ha abbassato la sua guida utili per l’intero anno perché si ritiene colpito da una cattiva disponibilità di magazzino e da competitività altissima degli acquisti fatti tramite mercato on-line (infatti le vendite della catena sono diminuite del 0,5% tra il 26 ottobre e il 24 dicembre 2015, ma il Reparto Vendita è aumentato su certe merci di prima necessità del 2%, con totale aumento del 0,4%, inferiore alle previsioni di circa il 4%).

Il video che proponiamo parla delle vendite in Gran Bretagna nei grandi retails nel periodo di Natale 2015.

(tratto dal sito internet di ‘DailyMailOnline’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->