mercoledì, dicembre 19

Gran Bretagna, le proteste contro il caro biglietti dei treni Si tratta dei maggiori rincari in cinque anni nel Regno Unito, dove i prezzi dei trasporti ferroviari sono già ritenuti molto alti

0

Anno nuovo, vita nuova. O per meglio dire tasse nuove o nuove spese. Lo sanno bene in Gran Bretagna i cittadini, perché il 2018 ha portato ad un rialzo record del prezzo dei biglietti dei treni. Si tratta dei maggiori rincari in cinque anni nel Regno Unito, dove i prezzi dei trasporti ferroviari sono già ritenuti molto alti.

L’aumento dei biglietti è stato in media del 3,4% con alcuni operatori che sono arrivati al 4-5% causando forti proteste fra i pendolari costretti a sborsare migliaia di sterline per acquistare i loro abbonamenti. In 40 stazioni ferroviarie del Paese sono andate in scena nelle scorse ore manifestazioni di protesta contro questo caro biglietti dei treni.

E il governo che fa? Prova a smorzare le polemiche. Secondo un portavoce del ministero dei Trasporti, l’aumento è giustificato dalla serie di investimenti in infrastrutture compiuti negli ultimi anni, in particolare il Crossrail, la nuova linea ferroviaria che taglia Londra da est a ovest. Ma basterà a placare gli animi?

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.