domenica, Ottobre 17

Gran Bretagna: il freddo siberiano uccide centinaia di animali marini Granchi morti, stelle marine, cozze e aragoste sono state ritrovate in diversi punti del Paese, in particolare lungo la costa di Holderness, nello Yorkshire

0

Foto sconvolgenti arrivano dalla Gran Bretagna, dove decine di migliaia di stelle marine, ricci di mare e cozze sono morte e sono state ritrovate sulle spiagge del Paese. La colpa è del freddo pungente arrivato dalla Siberia.

Granchi morti, stelle marine, cozze e aragoste sono state ritrovate in diversi punti del Paese, in particolare lungo la costa di Holderness, nello Yorkshire. Scene simili sono state segnalate lungo la costa del Norfolk e del Kent. Le aragoste sono una delle poche specie ancora in vita e molti volontari, con i pescatori locali, le stanno salvando. «Questa zona è molto importante per i molluschi e lavoriamo a fianco dei pescatori per promuovere la pesca sostenibile e proteggere gli stock riproduttivi, vale la pena salvarli in modo che possano essere rimessi in mare e continuare a riprodursi», ha detto uno degli attivisti intervenuti.

La scorsa settimana la temperatura del mare è andata a 3 ° C e questo ha causato la diminuzione degli animali marini e la riduzione del loro livello di attività. Gli animali più grandi come i delfini sono più mobili e possono salvarsi nuotando via quando succede questo genere di cose, dicono gli esperti.

(video tratti dai canali Youtube di BbcAssociated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->