lunedì, Maggio 10

Gran Bretagna e caos ospedali: la May si scusa Il primo ministro ha rassicurato sul fatto che il servizio sanitario nazionale sta facendo tutto il possibile per ripristinare i servizi

0

«So che è frustrante e mi scuso». Con queste parole la premier Theresa May ha fatto mea culpa riguardo al caos che sta investendo gli ospedali della Gran Bretagna, dovuto al picco di influenza. Il primo ministro ha visitato il Frimley Park Hospital nel Surrey e ha rassicurato sul fatto che il servizio sanitario nazionale sta facendo tutto il possibile per ripristinare i servizi.

Sono dati allarmanti quelli pubblicati in Gran Bretagna riguardo l’ultima settimana del 2017: in oltre 16.900 casi hanno dovuto attendere più di 30 minuti in pronto soccorso prima di essere presi in carico dal personale ospedaliero, il 40% in più rispetto alla settimana precedente.

Martedì lo stesso servizio sanitario nazionale aveva annunciato che tutti gli ospedali della Gran Bretagna dovevano sospendere almeno fino al prossimo mese di febbraio tutte le operazioni chirurgiche non urgenti per fare spazio ai malati di influenza: una decisione senza precedenti, che porterà l’annullamento di circa 50 mila operazioni chirurgiche di routine.

(video tratto dal canale Youtube dei Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->