martedì, Maggio 11

Gran Bretagna, al supermarket si paga con le impronte digitali Il negozio si trova all'interno dell'Università Brunel di Londra ed è il primo al mondo a permettere agli utenti di pagare in questo modo

0

Niente più portafogli pieni di carte di credito. Ora in Gran Bretagna (e presto chissà anche nel mondo) si paga con le impronte digitali. L’innovazione, già introdotta da Apple Pay, fa un ulteriore passo in avanti dopo la scelta di un supermercato inglese, il Costcutter Store.

Il negozio si trova all’interno dell’Università Brunel di Londra ed è quindi il primo al mondo a permettere agli utenti di pagare usando le impronte digitali. Chiunque potrà pagare in pochi secondi grazie alla Fingopay, che è stata inventata dalla società tecnologica Sthaler.

Il sistema funziona tramite uno scanner a infrarossi. È quello ad analizzare le impronte digitali, a cui gli acquirenti possono collegare i propri conti o carte di credito: tutti i dati personali vengono poi stoccati dal provider di pagamento Worldpay, lo stesso che in Inghilterra tiene sotto controllo l’archivio dei dati bancari sugli acquisti online.

Il riconoscimento tramite impronte è già una realtà in Polonia, Turchia e Giappone, ma anche in molti controlli di sicurezza, ma il brevetto di Sthaler promette di essere più sicuro e più sviluppato degli altri.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->