giovedì, Aprile 15

Golden Globe: protagoniste le donne Un' edizione molto speciale, la 75esima dei Golden Globes. A trionfare la serie tv al femminile 'Big Little Lies'

0

Un’ edizione molto speciale, la 75esima dei Golden Globes,  al Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills a Los Angeles, in California. Protagoniste sono state le donne. Già a partire dal red carpet, tutto rigorosamente in nero, con pochi lustrini, l’ evento ha rimesso al centro lo scandalo degli abusi sessuali, esploso con il caso di Harvey Weinstein. Agli inizi di dicembre, la rivista Time aveva eletto a ‘persona dell’ anno’ il movimento ‘#Metoo‘ formato da tutte le donne che hanno denunciato le violenze.

A designare i vincitori dei Golden Globe, la Hollywood Foreign Press Association, un’associazione composta da giornalisti internazionali che si occupano di cinema e tv: ogni vincitore deve ottenere almeno 90 voti. Le categorie sono, in totale, 25 di cui 14 per il cinema e 11 per la televisione. La cerimonia è stata condotta da Seth Meyers. Quattro premi, compresi quelli per Nicole Kidman e Laura Dern, sono stati assegnati alla miniserie tv al femminile ‘Big Little Lies‘. «Voglio ringraziare tutte coloro che hanno rotto il silenzio quest’anno e hanno alzato la voce contro molestie e abusi. A coloro lì fuori che si sentono messe a tacere, è finita! Vi vediamo, vi ascoltiamo e racconteremo le vostre storie» Reese Witherspoon, ha dichiarato l’attrice e co-produttrice della miniserie .

A vincere più statuette, il film ‘Tre manifesti a Ebbing, Missouri‘, che ha vinto anche il premio per il Miglior film drammatico. ll riconoscimento come ‘Miglior attrice in una serie drammatica’ è stato assegnato alla protagonista di The Handmaid’s Tale’Elisabeth Moss, che interpreta il ruolo di una delle poche donne fertili, in un mondo governato da un regime totalitario. Premiati anche i film Lady Bird e La forma dell’acqua. Tra le serie che hanno riscosso più successo ci sono The Marvelous Mrs. Maisel e The Handmaid’s TaleOprah Winfrey, ritirando il premio alla carriera, ha fatto un discorso molto significativo, rispetto a quanto è stato fatto e quanto c’è ancora da fare per le donne e per la popolazione di colore.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->