giovedì, Agosto 5

Gli Stati Uniti possono impedire una guerra a Taiwan? I vertici militari USA hanno avvertito che la Cina potrebbe invadere Taiwan. Prossima settimana primo incontro tra i vertici del governo USA e quelli del governo cinese. Intanto c'è chi disegna piani di 'non guerra', ovvero di come gli USA potrebbero impedire l'invasione di Taiwan

0

Nei giorni scorsi l’ammiraglio Philip Davidson, vertice militare di Washington nell’area Asia-Pacifico, in audizione presso il comitato delle forze armate del Senato USA, ha lanciato l’allarme: la Cina potrebbe invadere Taiwan entro i prossimi sei anni, mentre sta accelerando le sue mosse per soppiantare il potere militare americano in Asia. E la dichiarazione non è passata inosservata.
Meno di 24 ore dopo, la Casa Bianca ha reso noto che il Segretario di Stato Tony Blinken e il Consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan incontreranno le controparti Wang Yi e Yang Jiechi in Alaska, la prossima settimana. Sarà il primo incontro di funzionari di alto livello di entrambi i Paesi da quando Joe Biden è entrato in carica, a gennaio, e da quando Biden ha parlato telefonicamente per la prima volta da quando è entrato alla Casa Bianca come Presidente, con il Presidente cinese Xi Jinping su una serie di questioni e «ha sottolineato le sue preoccupazioni fondamentali per le pratiche economiche coercitive e sleali di Pechino, la repressione a Hong Kong, le violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e le azioni sempre più assertive nella regione, anche verso Taiwan», secondo un alto funzionario dell’Amministrazione sentito da ‘CNN‘.

L’incontro in Alaska, ha affermato Blinken durante un’audizione dinanzi alla Commissione per gli Affari Esteri della Camera, «è un’importante opportunità per noi per esporre in termini molto franchi le molte preoccupazioni che abbiamo circa le azioni e il comportamento di Pechino che stanno sfidando la sicurezza, la prosperità e i valori degli Stati Uniti e dei nostri partner e alleati».

L’amministrazione Biden sta pianificando una profonda revisione della posizione dell’Amministrazione Trump nei confronti della Cina, inclusa la repressione delle pratiche commerciali sleali e delle attività militari antagoniste in Asia, il tutto perseguendo quella che definisce una solida strategia indo-pacifica, secondo un funzionario dell’amministrazione, secondo alcuni osservatori. Non tutti sono fiduciosi su questa ‘revisione’ della linea della Casa Bianca. Tra questi War on the Rocks‘, piattaforma di analisi, commenti, dibattiti su questioni di politica estera e sicurezza nazionale per gli addetti ai lavori, che il 1° marzo, pochi giorni prima che Davidsonavvisasse il Senato del rischio di un attacco cinese contro Taiwan, ha pubblicato ‘Can the United States Prevent a war over Taiwan?

«Taiwan sta diventando il punto critico più pericoloso del mondo. Eventi nella piccola democrazia o che la coinvolgono, potrebberoinnescare una guerra che coinvolgerebbe Stati Uniti, Cina, Giappone e forse altri», afferma ‘War on the Rocks‘. «L’Amministrazione del Presidente Joe Biden dovrebbe sviluppare una strategia statunitense credibile per scoraggiare una simile guerra.

Ciò che anche molti osservatori della politica mondiale potrebbero trascurare, distratti da tanti altri problemi globali e rumors, è quanto la situazione intorno a Taiwan sia cambiata negli ultimi anni. La decisione della Cina di schiacciare la governance locale e l’effettivo stato di diritto a Hong Kong ha avuto grandi effetti. Ha cambiato la politica a Taiwan a favore di un Presidente che la Cina considera un separatista. I leader cinesi hanno raddoppiato il nazionalismo xenofobo e la repressione, intensificando la pressione su Taiwan sia retoricamente che militarmente.Taiwan ha avviato un significativo programma di riarmo con una serietà mai vista in una generazione, sostenuto dagli Stati Uniti, eppure c’è una significativa finestra di tempo prima che questo programma possa dare frutti sufficienti.

Pensiamo che l‘attuale pericolo di guerra sia compreso a metà, ma minimizzato a causa dell’invariabile tendenza umana a presumere che qualunque sia il trambusto, domani sarà più o meno come ieri. Questo è un vecchio problema. La maggior parte delle guerre internazionali sono una sorpresa, tranne che per coloro che le pianificano». ‘War on the Rocks‘ passa in rassegna una serie di conflitti inattesi ai più alla vigilia dello scoppio.

«Non stiamo sostenendo che una guerra sia imminente o addirittura più probabile che non accada. Ma quel poco che possiamo sapere ci ha portato alla conclusione che il rischio di una guerra cinese contro Taiwan è molto più alto di quanto non lo sia stato da decenni».

«La Cina sta facendo quello che farebbe un Paese se entrasse in una modalità prebellica.Politicamente sta preparando e condizionando la sua popolazione alla possibilità di un conflitto armato. Militarmente si sta impegnando ora in un ritmo di esercitazioni e preparazioni militari che stanno sia acuendo che ampliando la prontezza delle sue forze armate attraverso una serie di diverse contingenze in mare, aria, terra, cyber e nello spazio».

«Il primo passo è fermare la spacconata. Gli Stati Uniti dovrebbero intraprendere azioni per sostenere l’equilibrio politico e la deterrenza che hanno mantenuto la pace negli ultimi 50 anni.

In secondo luogo, gli Stati Uniti dovrebbero sviluppare immediatamente unbastonepiùcredibile. Una strategia statunitense per salvare Taiwan dovrebbe dipendere meno dalle portaerei statunitensi che salpano in soccorso nelle acque che la Cina dominerà, e più da una pianificazione coordinata intensificata e dettagliata per scoraggiare la Cina e aiutare Taiwan a difendersi.».

War on the Rocks‘ in una recente relazione su ‘Council on Foreign Relations‘ ha presentato tre scenari militari: attacchi alla periferia di Taiwan(come un’isola al largo); unaquarantenache schermi i viaggi aerei e marittimi a Taiwan per prevenire forniture di armi straniereindesiderate; un assedio e un’invasione diretti.

War on the Rocks‘ ha ipotizzato così quattro possibili ‘piani di guerra’ su come gli Stati Uniti potrebbero rispondere a una varietà evidente di possibili azioni cinesi, «solo l’ultima delle quali sosteniamo.Tuttw presumono la continua volontà di vendere armi a Taiwan per migliorare le sue difese e un forte sostegno al Taiwan Relations Act».

«APPROCCIO n. 1

Gli Stati Uniti potrebbero continuare a vendere armi per aiutare Taiwan a difendersi, ma non condividere la responsabilità della difesa diretta di Taiwan. Inoltre, in un cambiamento rispetto agli attuali preparativi della campagna statunitense per come li intendiamo, non avrebbe intenzione di intervenire militarmente in un conflitto tra Cina e Taiwan.

APPROCCIO n. 2

Gli Stati Uniti non si impegnerebbero in anticipo a condividere la responsabilità per la difesa diretta di Taiwan, ma lavorerebbero per essere pronti a farlo. Il probabile piano della campagna statunitense in uno scenario di conflitto di Taiwan rimarrebbe poco chiaro a nemici e amici, e gli alleati e i partner non si unirebbero quindi per preparare l’esecuzione coordinata di questi piani.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti non sarebbero chiari sul fatto che la loro difesa diretta di Taiwan comporterebbe attacchi nella Cina continentale o se tale estensione della guerra sia necessaria o meno. Questi piani potrebbero non richiedere cambiamenti significativi nel carattere e nel dispiegamento attuali delle forze statunitensi e giapponesi, perché non è evidente come queste forze verranno utilizzate.
A nostro avviso, questo era lo status quo con l’Amministrazione Trump, e potrebbe esserlo di nuovo.

APPROCCIO n. 3

Gli Stati Uniti potrebbero pianificare e prepararsi a condividere la responsabilità per la difesa diretta di Taiwan in una varietà di scenari. Potrebbe impegnarsi, in anticipo, a difendere l’isola. Questi piani potrebbero comportare il dispiegamento in tempo di pace di almeno consiglieri militari statunitensi a Taiwan e l’avvio di attacchi statunitensi contro le unità dell’Esercito popolare di liberazione che hanno usato la forza contro Taiwan. Questo approccio potrebberichiedere cambiamenti significativi nel carattere e nella distribuzione delle forze statunitensi e giapponesi, insieme con una migliore formazione congiunta e la disponibilità ad eseguire questi piani di guerra. La prontezza americana e giapponese a mettere in atto piani di guerra così credibili sarebbe evidente ed esercitata.

Questo terzo approccio merita un’attenta considerazione, sebbene non lo appoggiamo. La presunta strategia sfrutta la nuova tecnologia missilistica e dei sensori per creare una terra di nessuno del 21 ° secolo nell’aria e nei mari che circondano Taiwan. Teniamo conto delle innovazioni in corso nel settore della difesa, e queste sono discusse in dettaglio nelle fonti che abbiamo citato nel nostro rapporto. Gli esperti delladifesa che supportano tali piani non sostengono che gli Stati Uniti abbiano attualmente le forze e la prontezza necessarie per eseguire questo approccio. Piuttosto, dicono che la loro strategia è fattibile se e solo se gli Stati Uniti, nel corso dei prossimi anni, fare ‘x’, ‘y’, e ‘z’.

Allo stesso tempo, sulla questione vitale dell’escalation geografica, questo approccio è vago e aperto sugli attacchi programmati in Cina. Tale vaghezza aumenta quindi in modo significativo lo slancio per attacchi preventivi da entrambe le parti e aumenterebbe i rischi di una guerra totale, che potrebbe estendersi alle patrie statunitensi e giapponesi, o anche a scenari estremi sugli scambi nucleari.
Tre anni fa, il Consiglio di sicurezza nazionale dell’Amministrazione Trump ha approvato una guida strategica che invitava gli Stati Uniti a: ideare e attuare una strategia di difesa in grado, ma non limitato a: (1)
negare alla Cina un dominio aereo e marittimo sostenuto all’interno della ‘prima catena di isole’ in un conflitto; (2) difendere le prime nazioni insulari, inclusa Taiwan; e (3) dominaretutti i domini al di fuori della prima catena di isole

La Casa Bianca di Trump ha declassificato e rilasciato questa guida nel gennaio 2021. In breve, l’Amministrazione Trump ha adottato, almeno sulla carta, questo terzo approccio sopra descritto, che comporta giudizi politici sugli interessi nazionali vitali degli Stati Uniti e giudizi politico-militari sulla credibilità e fattibilità di tali piani – conclusioni che dovrebbero essere condivise e coordinate almeno con Taiwan e Giappone.

Non conosciamo alcuna valutazione netta credibile che suggerisca che gli Stati Uniti, alla luce dei piani di difesa degli Stati Uniti e considerando i progressi della Cina nello stesso periodo, siano ora più pronti a svolgere uno qualsiasi di questi tre compiti rispetto a tre anni fa, quando la guida veniva segretamente rilasciata. Pertanto, siamo convinti che sia giunto il momento di escogitare una strategia di difesa e deterrenza degli Stati Uniti per affrontare la sfida di Taiwan così com’è nel pericoloso presente, non come potrebbe essere in un futuro desideroso.

Anche la Repubblica popolare cinese può fare delle mosse. Ha anche un ‘x’, ‘y’, e ‘z’ elenco, nonché vantaggi fondamentali dell’attenzione, geografia e sostentamento.

C’è ancora un problema più profondo. Potrebbe essere possibile, un giorno, in teoria, per Taiwan o gli Stati Uniti o il Giappone, costruire i sistemi difensivi, come ha ipotizzato l’Amministrazione Trump, che raggiungeranno un dominio sufficiente per contrastare gli attacchi cinesi. In un ambiente militare regionale intensamente dinamico, Pechino potrebbe quindi concludere che ha una finestra di vantaggio che si restringe, un punto che sottolineiamo nel rapporto. Questa postura più conflittuale della terza opzione, quella che minaccia Pechino di stare attenta perché gli Stati Uniti si stanno preparando rapidamente a difendere direttamente Taiwan, presto, potrebbe più probabilmente causare una guerra che prevenirne una .

Concludiamo che il terzo approccio -basare la pianificazione statunitense su una difesa americana diretta di successo di Taiwan, coordinata con il Giappone e altri alleati- non sembra politicamente o militarmente realistico nei prossimi anni. È un approccio che si basa su una promessa militare incerta con maggiori rischi di provocazione, paralisi o sconfitta umiliante.

APPROCCIO n. 4

Se la finestra di vantaggio della Cina si restringe nel tempo man mano che la difesa di Taiwan migliora, qual è allora la giusta strategia statunitense nel frattempo?

Questa opzione che raccomandiamo supporta la pianificazione che descriviamo nel secondo approccio, lo status quo, in cui gli Stati Uniti hanno piani di emergenza da condividere nella difesa diretta di Taiwan ma non si impegnano in anticipo a farlo. Ma a nostro avviso, questa non è una strategia adeguata degli Stati Uniti per scoraggiare la guerra. Riteniamo che gli Stati Uniti dovrebbero, inoltre,provare -almeno con Giappone e Taiwan- un piano parallelo per sfidare qualsiasi negazione cinese di accesso internazionale a Taiwan e prepararsi, anche con forniture statunitensi pre-posizionate, comprese scorte di riserva di guerra, spedizioni di forniture di vitale importanza per aiutare Taiwan a difendersi.

Gli Stati Uniti e i suoi alleati, come il Giappone, dovrebbero pianificare di sfidare una quarantena o un assedio cinese di Taiwanabbastanza da porre l’onere sulla Cina di decidere se ampliare il conflitto attaccando le forze statunitensi o alleate che stavano tentando di fornire tali rifornimenti.
Se tali piani esistono ora, non sono evidenti, né negli esercizi coreografati con gli alleati, nei rifornimenti pre-posizionati, né nella capacità di spedizione per eseguirli. Questi piani richiederebbero probabilmente cambiamenti significativi nel carattere e nel dispiegamento delle forze statunitensi e di altre forze alleate. Ma questi cambiamenti, orientati maggiormente ad aiutare Taiwan a difendersi e meno dipendenti da un rapido aumento del potere d’attacco degli Stati Uniti all’interno della prima catena di isole, non minaccerebbero la Repubblica popolare cinese tanto quanto la strategia prevista nel terzo approccio.

In questo quarto approccio, se la Cina scegliesse di ampliare la guerra, gli Stati Uniti e i suoi alleati avrebbero pianificato di difendersi e avrebbero continuato a fare ciò che era possibile per aiutare Taiwan a difendersi. Ma gli Stati Uniti non presumono che una guerra del genere debba estendersi alle patrie cinesi, giapponesi o americane.

Invece, in un’altra revisione del secondo approccio, gli Stati Uniti e i loro alleati avrebbero pianificato in modo credibile e visibile di reagire all’attacco alle loro forze rompendo tutte le relazioni finanziarie con la Cina, congelando o sequestrando beni cinesi, portando a una grave rottura dell’economia mondiale e una probabile crisi finanziaria globale. Inoltre, gli Stati Uniti e il Giappone preparerebbero, visibilmente e in anticipo, le massicce misure di rimilitarizzazione e mobilitazione che loro, e forse altri, prenderebbero come logica conseguenza dell’aumentato pericolo di una guerra totale. Alcuni critici affermano che questa è già una strategia degli Stati Uniti, ma non abbiamo visto piani economici, politici e militari alleati su questa scala, che rafforzerebbero la deterrenza.
Questi piani sarebbero seri da sviluppare e contemplare. Sono così seri che non è credibile minacciarli a meno che la Cina non abbia attaccato le forze americane e alleate, nel qual caso tali misure non solo sono credibili, ma probabili. Queste misure non sono intese come sanzioni per forzare una ritirata cinese. Prepararli, con gli alleati, dimostrerebbe in anticipo alla Cina cosa potrebbe significare un conflitto più ampio per la Cina e per il futuro del Partito comunista cinese.

Il nostro approccio preferito ha i suoi difetti. Impone a Taiwan l’onere di fare tutto il possibile, con un aiuto esterno, per realizzare la sua potenziale capacità di difendersi. Eppure la nostra proposta aggiunge scelte che sembrano più realisticamente raggiungibili e più credibili come deterrente per proteggere Taiwan rispetto alle alternative. Questo quarto approccio prende l’escalation che potrebbe benissimo accadere dopo l’inizio del conflitto e converte quella prevedibile realtà in preparativi visibili ai leader cinesi prima del conflitto.

Sottolineiamo che la nostra proposta non potrebbe avere successo in assenza di un coordinamento e una preparazione anticipati con, come minimo, Taiwan e il Giappone. Ciò significa che gli Stati Uniti devono ascoltare le loro preferenze. Se sostengono altri approcci, devono riconoscere, accettare ed essere disposti ad agire in base alle responsabilità e ai rischi associati a tali approcci. D’altra parte, se si unissero agli Stati Uniti per preparare gli ulteriori piani previsti nella nostra quarta opzione, quella pianificazione congiunta aiuterebbe a unire le loro società in una più comune disponibilità all’azione congiunta.

Una preoccupazione che abbiamo sentito è che la nostra relazione è eccessivamente preoccupata per i pericoli militari cinesi. Invece, dovremmo concentrarci sui modi in cui la Cina potrebbe fare pressione su Taiwan, poiché sono più probabili. Tuttavia, notiamo che la Cina ha tentato pressioni incrementali nello Xinjiang, ma è stato controproducente e la Repubblica popolare cinese ha quindi deciso di impugnare il martello. Notiamo che la Cina ha tentato pressioni incrementali anche a Hong Kong, ma è stato controproducente e Pechino ha finalmente deciso di impugnare il martello. Ora notiamo che la Cina sta tentando di aumentare la pressione a Taiwan, ma ha avuto effetti controproducenti nella politica di Taiwan. E la Cina adesso …?

Vorremmo sbagliarci sulla possibile gravità di una imminente crisi di Taiwan. Speriamo di aver esagerato il pericolo. Non riusciamo a convincerci che le nuvole minacciose che vediamo raccogliersi non siano reali». 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->