venerdì, Settembre 24

Gli effetti di El Niño field_506ffbaa4a8d4

0

America Centrale, ma anche alcune regioni africane e asiatiche. L’ondata di siccità che ha colpito diverse aree della Terra ha nettamente peggiorato lo stato di povertà e fame della popolazione di molti Paesi in via di sviluppo. Anche l’Unicef ha lanciato l’allarme per esempio in Yemen: i tassi di malnutrizione sono oltre i livelli di emergenza. In Etiopia si è registrata una delle stagioni più secche degli ultimi 50 anni, come denunciato da FAO e Save the Children.

La siccità sta costando milioni di ettari di raccolto perduti, mancati. Dietro i fenomeni di siccità ci sono gli eventi climatici legati al super El Niño del 2015. “Gli effetti de El Niño saranno percepiti fino almeno all’inizio del 2017 e avranno una vasta distribuzione geografica“, spiega Rogerio Bonifacio, esperto di clima per il World Food Programme.

L’evento climatico de El Nino del 2015 è stato definito uno dei più forti. Si tratta di un fenomeno ciclico, che si ripete ogni 3 o 5 anni quando le acque dell’Oceano Pacifico centrale raggiungono temperature molto elevate con effetti sul clima a livello globale.

Gli effetti della siccità sono molteplici. Oltre alle perdite agricole, alla messa in pericolo delle riserve future, la siccità incide anche sulla capacità di far fronte al fabbisogno energetico in quei Paesi, che come lo Zimbabwe dipendono in larga parte dalle risorse idriche.

 

(video tratto dal canale YouTube Euronews Knowledge)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->