domenica, Settembre 19

Gli 80 anni di Juan Carlos di Spagna Nessun festeggiamento in pompa magna per colui che ha abdicato tre anni e mezzo fa per il figlio Felipe VI

0

Juan Carlos Alfondo Victor Maria de Borbòn y Borbòn-Dos Sicilias, meglio noto solo come Re Juan Carlos di Spagna, compie oggi 80 anni. Nessun festeggiamento in pompa magna per colui che ha abdicato tre anni e mezzo fa per il figlio Felipe VI.

La Stampa‘ parla di «ragioni di sobrietà, ma anche a causa delle freddezze, per non dire delle ostilità, all’interno della famiglia Borbone. Dopo molte incertezze, all’inizio di dicembre è stato comunicato l’ elenco delle cerimonie, pochi eventi e semplici, niente a che vedere con le glorie per il 90 anni di Elisabetta in Inghilterra o con le feste per gli 80 di Harald e Sonja di Norvegia».

«La salute è buona e Juan Carlos ormai dedica la maggior parte del tempo alle regate con gli amici e alle corride» prosegue l’articolo del quotidiano di Torino, «chi lo conosce lo descrive come deluso e amareggiato, il ruolo di secondo non gli si addice per personalità e per storia. Così, il primo sovrano della democrazia spagnola si sente come il vecchio di famiglia messo da parte, anche fisicamente, visto che il figlio gli ha imposto un ufficio nel palazzo reale di Madrid e non nella residenza ufficiale alla Zarzuela».

Nato a Roma il 5 gennaio del 1938, Juan Carlos si è divertito molto nella vita. C’è chi parla di oltre 5mila donne, ma soprattutto passione per lo sport. Partecipò alle olimpiadi di Monaco 1972 nella classe Dragon (arrivò 16°, il figlio Felipe fu 6° nel Soling a Barcellona 1992), perché la vela è sempre stata una parte importante della sua vita. E poi tanti misteri. A 18 anni assistette non è chiaro con che ruolo alla morte del fratello Alfonso a Estoril per un colpo di arma da fuoco partito accidentalmente (così pare).  Solo per citarne uno…

(video tratto dal canale Youtube di EL PAIS)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->