lunedì, Maggio 16

Giustizia, Referendum e Dio. Mica roba da poco… Cresce la tensione, cresce la confusione

0

Provano a far finta che la ‘Questione Giustizia‘ ed il connesso nodo referendario siano nodi gordiani facilmente risolvibili con un colpo di spada. Non è così, e più che il tempo passa, più si ingarbuglia la matassa.

Il fatto che intervenendo alla Direzione Nazionale il Segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, abbia sancito il No a due Referendum, Abolizione della Legge Severino e Limitazioni (fortissime) alle misure di custodia cautelare, rappresenta già un suo punto di forza in un contesto di debolezza. Sui tre rimanenti «c’è il Parlamento». Come dire «Qualcosa comunque vedremo di fare, pur di non arrivare al voto». E, dunque, evidente imbarazzo.

I cinque Referendum ammessi, ricordiamo, sono i seguenti, a partire dai due ‘rigettati’ da Letta. 1/ Incandidabilità (Legge Severino). Abolizione di uno dei Decreti attuativi sia per le norme riguardanti gli Amministratori locali che per quelle che impediscono la partecipazione alle elezioni del Parlamento Italiano ed Europeo ed a​ Regionali e Comunali ai condannati in via definitiva per mafia, terrorismo, corruzione… 2/ Misure cautelari. Riduzione dei reati per i quali è consentita l’applicazione delle misure, in particolare della carcerazione preventiva.

Questi gli altri tre per cui Letta ‘rimanda al Parlamento’. 3/ Separazione delle funzioni. Separazione delle carriere in​ Magistratura cancellando le norme che consentono quattro passaggi di funzioni tra Giudici e Pubblici Ministeri. 4/ Elezione togati Csm. Eliminazione delle 25 firme richieste per la candidatura alle elezioni dei Consiglieri togati del Csm. 5/ Valutazione dei Magistrati. Rimodulazione della composizione dell’organismo diretto alla valutazione.

In tale marasma viene voglia di continuare a rifugiarsi nell’immenso Gaber che appunto d’immenso ci illumina, quasi come Ungaretti, e rifarsi al nostro ‘L’Italia oggi e il Gaber di ‘Io se fossi Dio”. La sua ‘Io se fossi Dio‘ è giusto ed utile riproporla nella versione scandalosamente originale del 1980, pur se conteneva come già segnalavamo anche un ingiusto giudizio su Aldo Moro.

Volendo c’è pure la versione francese ‘Moi si j’étais Dieu‘. Giusto per non farci mancare niente.

Poi in ‘Io se fossi Dio_Versione alternativa‘ del 1991, Giorgio Gaber tirava in ballo Giustizia e Magistrati. Da ascoltare, e rifletterci, oggi. Poi, proviamo pure a figurarci Dio anche noi.

[Questo pezzo non è un granché, ma le canzoni di Gaber sì, a prescindere, e quindi…].

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->