mercoledì, Aprile 14

Giustizia, prescrizioni a gogò

0

Conviene partire da una notizia di qualche giorno fa: il cosiddetto processo ‘Calciopoli’, di fatto finito in fumo, come era facile prevedere. Delle contestazioni di frode sportiva resta poco o nulla, se non qualche aspetto risarcitorio per le parti civili. Robetta, rispetto a quello con cui si era partiti. Scagionati gli ex arbitri Paolo Bertini e Antonio Dattilo; dieci mesi per l’ex arbitro Massimo De Santis, che avrebbe potuto beneficiare della prescrizione, a cui, però, ha rinunciato. Prescritta l’associazione per delinquere per Luciano Moggi e per Antonio Giraudo, il primo ex Direttore Generale, l’altro Amministratore Delegato della Juventus.

Ora, su questa vicenda, su quello che è diventato il mondo del calcio, sull’enorme giro di interessi che vi ruota attorno, ognuno coltivi pure le opinioni che crede, tutte rispettabili; non è questo l’aspetto che si vuole mettere in evidenza. Il fatto è che la terza sezione penale della Corte di Cassazione da una parte accoglie le richieste del procuratore generale -in sostanza conferma l’esistenza di un’associazione per delinquere finalizzata a condizionare i risultati delle partite, le designazioni arbitrali, le carriere dei direttori di gara, e l’elezione dei vertici della Lega calcio-, in concreto, però, tutto finisce in gloria, i reati sono prescritti.

Lo ammette il Procuratore Generale, lo certifica la corte. Difficile dare torto a Moggi quando dice: «Abbiamo scherzato per nove anni, il processo si è risolto nel nulla, solo tante spese». Solo che un processo lungo nove anni, le spese che comporta, non solo per gli imputati ma per l’intera collettività dal momento che hanno visto impegnati una quantità di magistrati e investigatori, tutto ciò non è per nulla uno scherzo. Non è questione se Moggi e gli altri imputati siano innocenti o colpevoli, se le accuse nei loro confronti sono fondate o no; è questione che non è giustizia una giustizia che impiega nove anni per concludersi; e concludersi per di più con una prescrizione: per cui Moggi e compagni sono ritenuti colpevoli, al centro di un’associazione per delinquere, ma non sono chiamati a pagare il reato commesso, perché è passato troppo tempo da quei fatti; e dunque è come se non li avessero commessi…

Giorni fa l’agenzia ‘ANSA’ ha diffuso un focus passato inosservato, che ci viene segnalato da Massimiliano Iervolino che da sempre segue il filone diciamo così ambientale, rifiuti, il loro smaltimento illegale. Vicende a cui ha dedicato più di un libro.

Non sono solo Moggi e compagnia a essere prescritti. Prendiamo una quantità di processi e di procedimenti per reati legati all’ambiente. Si sta parlando di salute di tutti noi: dall’Ilva, all’inquinamento del fiume Lambro è ricca la mappa dei processi che rischiano di andare in fumo per la prescrizione. Che si tratti di ‘disastro’ o smaltimento illegale, sulla mappa degli uffici giudiziari che si occupano di ecologia sembra incombere il pericolo dello ‘stop’, del nulla di fatto. Gli eco-processi prescritti: discarica Pitelli di La Spezia: prescritti i reati ambientali, e nel 2011 sentenza di assoluzione per tutti gli imputati accusati di disastro ambientale; il petrolchimico di Porto Marghera; il processo Cassiopea, sui rifiuti tossici; quello sulla discarica del Vallone, a Campo dell’Elba; il processo Artemide relativo al traffico illegale di sostanze tossiche provenienti dallo stabilimento Pertulosa di Crotone; i mercanti dei rifiuti; operazione agricoltura biologica.

I processi a rischio prescrizione sono quelli per l’impianto di Colleferro; la discarica Valle del Sacco; il disastro al Fiume Lambro; parte del processo per la raffineria Tamoil di Cremona; la bonifica di Santa Giulia; il processo Poseidon; il processo relativo all’inchiesta sulla presunta gestione illegale dell’impianto a biomassa gestito dalla Riso Scotti Energia.

I processi archiviati: quello per il petrolchimico Brindisi; l’operazione Mar Rosso. Di disastro ambientale si parla per Vado Ligure; di inquinamento ambientale per la discarica di Bussi.

I numeri dicono più di qualsiasi discorso: ogni anno in Italia vengono accertati oltre 30 mila reati contro l’ambiente, quasi 4 all’ora; discariche abusive, inquinamento e quant’altro legato a questi traffici illegali, si è calcolato fruttino alle organizzazioni criminali qualcosa come 17 miliardi di euro l’anno.

In parallelo, continua ad aumentare il numero di sentenze della Corte di Strasburgo che l’Italia non esegue, e resta alto il numero di quelle per cui non paga gli indennizzi previsti. Lo certifica il rapporto pubblicato dal Consiglio d’Europa. Trarre il succo da questi fatti, è cosa che si può facilmente fare; sempre che questi fatti siano portati a conoscenza.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->