lunedì, Maggio 16

Giustizia e Referendum, magari ci divertiamo… ... e visto che, in generale, c'è proprio poco da divertirsi, ci si diverte come si può

0

Siccome il diavolo (si chiami, in crescendo di ignominia, Putin, Salvini o addirittura Renzi) fa le pentole ma non i coperchi, la ‘Caccia grossa al Magistrato’ dichiarata aperta dal simpatico sodalizio guidato dal leader leghista con Palamara, Chirico & Company ha buone possibilità di arenarsi causa cosiddetta Riforma della Giustizia che casserebbe i tre Referendum ad hoc.

A quel punto ci si potrebbe anche divertire. Ché i due Referendum rimanenti, Legge Severino e Custodia cautelare sembrano fatti apposta per eccitare gli animi ‘anticasta’ che pur in maniera più silente continuano a sobbollire. Riepiloghiamo.

Legge Severino per l’incandidabilità. Si chiede l’abolizione di uno dei Decreti attuativi sia per quanto riguarda le norme concernenti gli Amministratori locali che per quelle che impediscono la partecipazione alle elezioni del Parlamento Italiano ed Europeo, ed a​ Regionali e Comunali, ai condannati in via definitiva per mafia, terrorismo, corruzione…

Custodia cautelare. Riduzione, pesante, dei reati per i quali è consentita l’applicazione delle misure, in particolare della carcerazione preventiva.

E secondo voi cosa succede? Anche al netto del pur non irrilevante fatto che Partito Democratico e Fratelli d’Italia hanno già detto no. Ecco, succede quello che state pensando. Che, quorum del cinquanta per cento più uno degli aventi diritto al voto raggiunto o meno, i no ed il No! sarebbero, saranno, pesanti. Forse pesantissimi.

Comunque mentre anche ieri ci esercitavamo con ‘Mondo a fuoco, noi ci occupiamo di Voto e Legge elettorale…‘ il mondo a fuoco ci andava ancor di più, oggi figuriamoci. Ben capiamo che questo tema e queste vicende sono minorissime quando l’unico focus rimane il mondo a fuoco, a partire dal conflitto ucraino. Ma qualcuno deve pur occuparsi di seppur minorissime cose. Del caso provvede Putin a sminuire definitivamente l’importanza di questo problema. E pure di tutti gli altri.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giornalista. Editore con ‘La Voce multimedia’

End Comment -->