mercoledì, Settembre 22

Giovani imprenditori, la creatività promuove le idee field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Dove nascono le idee per lanciare nuovi modelli economici?

Le idee per il lancio di nuovi modelli economici nascono da diversi fattori, ma quelle che funzionano davvero vedono la loro scintilla nella consapevolezza della presenza di una necessità. Quando si intravede un bisogno, quando si percepisce che manca qualcosa in un determinato contesto, allora lì c’è terreno fertile per la nascita di nuovi paradigmi imprenditoriali. Percezione di un bisogno, analisi del contesto, capacità imprenditoriali, pubblico pronto ad accogliere determinati modelli: sono questi alcuni degli ingredienti fondamentali.

Come trovare le risorse finanziarie?

L’unico modo per trovare le risorse finanziarie al lancio e allo sviluppo di un’impresa è quello di realizzare, prima di tutto, un prodotto valido, un servizio adeguato, per fare in modo che generi subito profitto. Presentarsi da un potenziale investitore con alcuni contratti già chiusi o con una serie di fatture già emesse, riguardanti un particolare prodotto o servizio, rende la strada più facile, perché si può comprendere subito in che maniera quello che si propone viene accolto dal pubblico.

Quale importanza riveste un’attenta analisi del mercato per intercettare le richieste più opportune?

L’analisi del mercato è indispensabile non solo per intercettare le richieste più opportune, ma è utile in ogni aspetto del business, dal suo sviluppo alla sua espansione. Le analisi, se eseguite nel modo adeguato, rappresentano delle mappe che consentono a chi gestisce l’azienda di muoversi, di seguire un percorso in cui ogni tappa è un obiettivo. L’analisi del mercato permette, inoltre, di capire quali sono i business che in un determinato momento si stanno evolvendo, consentendo all’impresa di comprendere se ci sono eventuali possibili collaborazioni da creare con altre realtà imprenditoriali.

Quali sono le prospettive e gli scenari futuri dell’economia italiana ed europea?

Parlando di prospettive e di scenari futuri possiamo dire con certezza che il digitale rappresenterà uno strumento chiave per lo sviluppo anche delle piccole e medie imprese, che in Italia rappresentano un tessuto fondamentale per l’economia. Credo, inoltre, che molte imprese, anche appartenenti a settori differenti, entreranno in sinergia tra di loro, creando occasioni di collaborazione e di sviluppo di progetti in grado di coprire meglio le esigenze del pubblico. Condivisione, collaborazione e digitale sono le tre parole chiave che guideranno il futuro delle imprese italiane ed europee.

Quanto è importante la ricerca e l’innovazione per un’impresa?

Grazie alle risorse disponibili attualmente, ogni azienda ha le potenzialità di realizzare al proprio interno dei gruppi e dei ‘momenti’ dedicati alla ricerca, allo sviluppo di particolari forme di innovazione. Sono aspetti fondamentali perché consentono di “tenere il passo” con il presente e con il futuro, che diventa via via sempre meno intangibile, assumendo concretezza.

La creatività come e quanto incide sull’impresa?

Penso che la creatività sia la capacità di rivisitare in modo originale, unico e innovativo alcuni processi, prodotti, servizi. Creatività è trasformazione, è cambiamento, è “creazione” di qualcosa di nuovo partendo comunque dalla tradizione. Tutto ciò è fondamentale per un’azienda, da quelle più innovative a quelle più ‘tradizionali’. Oggi possiamo rintracciare forme di creatività in qualsiasi business, perché tutto si basa sull’approccio, sul metodo e sul modo di eseguire determinate operazioni e azioni.

Gli stravolgimenti del mercato in che modo influenzano le scelte delle imprese?

Le imprese possono vivere in due modi gli stravolgimenti del mercato: trovano la modalità per adeguarsi, per ‘sfruttarli’, per renderli utili per il proprio sviluppo, oppure si lasciano ‘stravolgere’ e quindi subiscono delle perdite. Qui entra in gioco non solo la capacità di gestione, ma anche la componente creativa.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->