sabato, Dicembre 4

Giovani imprenditori, la creatività promuove le idee field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


I giovani imprenditori riescono a imprimere una forza propulsiva all’economia italiana mediante le brillanti idee che diventano autentiche imprese di successo. Il settore trae quel giusto beneficio perché è fondamentale rinnovare le imprese per adeguarle alle nuove esigenze sociali richieste dal mercato, specialmente in questo periodo storico dove la crisi economica cambia costantemente le scelte dei consumatori.

La storia di Guk Kim riesce a far comprendere come si possa essere propositivi con idee originali per rilanciare l’economia e l’occupazione, intercettando le richieste della popolazione. Guk Kim, fino a dicembre 2014, è stato alla guida di Cibando, una app che consente agli utenti di trovare i ristoranti più vicini, scoprendo con estrema facilità e in brevissimo tempo le caratteristiche del locale. Cibando, dopo quattro anni di vita, è stata acquisita da Zomato, multinazionale indiana che opera nel settore della ricerca dei ristoranti online, il 18 dicembre 2014. Questa, per il giovane imprenditore, è stata la prima uscita in grande stile.

Guk Kim è un ragazzo di 26 anni di origine coreana ma cresciuto in Italia. Si è laureato in Economia e Business Administration alla John Cabot University di Roma. Per diversi anni ha vissuto anche a Pompei e a Milano e conosce perfettamente il tessuto economico italiano. Quella di Guk Kim è sicuramente una storia da prendere in esame per riflettere sull’importanza del coraggio delle azioni che può essere premiato con soddisfazioni personali. Non dimentichiamo che quando la spinta propulsiva riesce a implementare nuove imprese c’è un notevole vantaggio registrato a beneficio dell’occupazione. Tutto ciò è fondamentale per un Paese come l’Italia dove le piccole e medie imprese sono la spina dorsale dell’economia.

Guk Kim, a soli 16 anni, mentre studiava al liceo, propone la sua prima azienda. Negli ultimi anni ha fondato diversi siti web, tutti attualmente operativi e considerati degli autentici casi di successo. Con Guk Kim cerchiamo di comprendere le diverse difficoltà che un imprenditore deve superare per affermare le proprie idee e proporre nuovi modelli di business.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->