martedì, Ottobre 19

Gioco online, i prossimi tre anni saranno decisivi per capire l’evoluzione del settore Le scommesse da smartphone sono arrivate a costituire circa un terzo del mercato online, e in futuro potrebbero raggiungere le quote delle puntate da PC

0

Tecnologia piuttosto arretrata, gran successo del mobile, legislazione disomogenea ma efficace per l’online. Si può riassumere così la situazione del gioco su internet in Italia, un settore in continua crescita e tuttavia sottovalutato nelle analisi di chi si occupa dell’industria gambling. Le nuove tendenze in fase di affermazione sembrano in grado di gettare le basi per la creazione di un sistema completamente diverso dal precedente.

Il primo argomento da tenere in considerazione è la fase di difficoltà dello sviluppo tecnologico delle slot machine, e dell’industria dell’azzardo in generale, nel mercato italiano. Una questione che sembra strettamente legata alla legislazione vigente nel Paese, molto severa a livello fiscale sugli esercenti. Il mercato terrestre sembra funzionare senza bisogno di introdurre continue novità, che costerebbero denaro nella progettazione e nella produzione. Considerando che la metà degli incassi netti finiscono nelle casse dello Stato, alle aziende di gambling conviene concentrare i propri sforzi sul rinnovamento dell’online. Il risultato è inevitabile: il settore italiano rimane indietro rispetto ai colossi europei e statunitensi, e si limita a riportare le principali novità derivanti dall’estero. Ciò non toglie che su internet, anche nel nostro Paese, l’offerta resta molto ampia, con tante specialità a disposizione dei player.

L’arretratezza tecnologica contrasta invece con il dato sulle piattaforme utilizzate per scommettere. Il mobile infatti si sta sviluppando in modo ottimale, con una crescita esponenziale. Le scommesse da smartphone sono arrivate a costituire circa un terzo del mercato online, e in futuro potrebbero raggiungere le quote delle puntate da PC. Questa tendenza si può spiegare con l’utilizzo massiccio dei dispositivi mobili nella vita di tutti i giorni degli italiani, che ora hanno a disposizione diverse applicazioni per poter scommettere sui casinò online. Naturalmente le aziende hanno investito energie e denaro per fornire app efficienti, e con i risultati raggiunti potrebbero proseguire in questa direzione. Anche a causa della situazione politica.

La frammentazione legislativa del comparto live, fomentata dalla mancanza di norme davvero stringenti a livello nazionale, potrebbe essere un ulteriore incentivo per l’internet gambling. Ad oggi gli enti locali hanno molta libertà nel prendere provvedimenti ed emanare decreti, con il risultato che i comuni stanno combattendo il gioco. L’utilizzo dell’online permette invece di monitorare maggiormente il giocatore, che vede tracciate tutte le sue scommesse e può rendersi conto della sua spesa effettiva. Il lavoro dell’Agenzia delle dogane e dei Monopoli ha infatti dato garanzie agli utenti italiani, con la cancellazione di diversi portali “.com” e la regolamentazione di tutti i “.it”.

I prossimi tre anni saranno decisivi per capire le strategie di Stato e aziende nel gambling online italiano. Se le concessioni dovessero essere rinnovate in numero maggiore, l’esodo verso il digitale troverebbe la sua realizzazione concreta. Qualora il governo decidesse di porre un freno anche ad internet, il mercato nazionale (legale) ne risulterebbe enormemente danneggiato. In assenza di una direttiva chiara e costante, sarà difficile vedere in Italia tendenze in grado di affermarsi con continuità. Alle aziende, almeno per il momento, non conviene investire nel lungo periodo in un Paese che cambia governo e piano d’azione con immensa rapidità.

(articolo tratto dal sito ‘Gaming Report – Giochi e Recensione dei Casino Online)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->