domenica, Aprile 11

Giappone: scelto il Kanji per il 2017 Il Kanji Aptitude Test Japan Foundation ha scelto il 'kita', cioè 'Nord'

0

L’Associazione giapponese dei kanji, il Kanji Aptitude Test Japan Foundation, che preserva la scrittura ideografica della lingua nipponica, ha scelto, come al solito, l’ideogramma dell’anno, cioè quello che più rende l’ idea del 2017. Ad essere selezionato, kita, cioè Nord, con un evidente richiamo alla Corea del Nord (in giapponese Kita Chosen) che, con i suoi test missilistici, ha più volte minacciato i giapponesi. «Il sondaggio ha rivelato che il Nord è la cosa più preoccupante dei giapponesi, che spesso testano missili balistici e armi nucleari. Pertanto, la scelta logica è di base» ha dichiarato una nota dell’ associazione. Su un totale di 153,594 voti, circa 7.104 sono stati a favore del kita [北]. 

Oltre al rimando a Pyongyang, l’ideogramma sarebbe stato scelto anche per le piogge torrenziali che hanno colpito il Nord del Kyushu nel 2017 e in omaggio a Kotaro Kyomiyaun giocatore di baseball originario dell’ Hokkaido, l’ isola giapponese più settentrionale. Non a caso, infatti, il toponimo ‘Nord’ presenta il carattere kita. Lo scorso anno il kanji selezionato fu quello di kin, cioè oro, per rendere omaggio alle medaglie d’oro olimpico vinte ai giochi di Rio e per ricordare uno scandalo che ebbe come protagonista il governatore di Tokyo di allora.

E’ una tradizione che dura da 23 anni: un esperto calligrafo, Seihan Mori dell’antico tempio Kiyomizu di Kyoto, disegna l’ideogramma su un cartello alto 1,5 metri e largo 1,3 metri. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->