sabato, Maggio 15

Giappone: il mercato di riferimento per l'Asia

0

La terza più grande economia del mondo continua ad attirare investitori e imprenditori da tutto il mondo. E’ il paese con il più alto potere d’acquisto in Asia. Questo perché uno dei maggiori punti di forza del Giappone è proprio il suo mercato interno che è sia ricco che sofisticato. Per di più, le case automobilistiche giapponesi costituiscono il 30 per cento della domanda internazionale. Inoltre, il Giappone investe il 3,5 per cento del PIL in ricerca e sviluppo (R&S).

Per qualsiasi business che si vuole iniziare in Giappone, è fondamentale avere una qualche forma di supporto locale, dalle agenzie governative e simili. La Japan External Trade Organization offre uno sportello di servizi per la consulenza gratuita e spazi per uffici gratis per due mesi.
Bisogna inoltre ricordare che nel mondo degli affari giapponese il servizio clienti è fondamentale e la sua qualità deve essere irreprensibile.

Nella zona hi-tech Tsukuba, vicino a Tokyo, è presente il centro di ricerca e sviluppo del costruttore automobilistico francese Valeo. Ryuji Saito, presidente di Valeo Giappone, racconta della crescita delle attività aziendali nel Paese, da quando ha aperto lì 30 anni fa. Infatti, quando sono arrivati ​​nel 1985 c’erano solo 10 dipendenti, oggi, invece, sono arrivati a 2.800 dipendenti, nove fabbriche e tre centri di ricerca e sviluppo. Il Giappone è al centro della strategia di crescita di Valeo. 

 


(video tratto dal canale YouTube di Euronews Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->