domenica, Aprile 18

Giappone: erutta il vulcano Kusatsu-Shirane 2.171 metri di altezza, a nordovest di Tokyo, si è risvegliato, ieri, alle 9.59, per la prima volta dal 1983

0

Il vulcano Kusatsu-Shirane2.171 metri di altezza, a nordovest di Tokyonella prefettura giapponese centro-orientale di Gunmasi è risvegliato, ieri, alle 9.59, per la prima volta dal 1983. L’ eruzione del vulcano, vicino a un resort sciistico, ha causato una valanga e la fuoriuscita di cenere e grandi massi di lava. I sassi lanciati in aria dall’ eruzione, di grandezza dai 10 ai 20 cm, hanno colpito, stando al portavoce del governo Yoshihide Suga, una cabinovia frantumando i vetri e ferendo quattro dei passeggeri. L’eruzione ha portato l’allerta vulcano a livello 3 su una scala di 5.

Sarebbe deceduto un soldato che si trovava sulla pista sciistica e 16 persone sarebbero rimaste ferite. L’agenzia meteorologica nazionale Kishocho si è appellata agli abitanti nei dintorni del monte Kusatsu Shirane affinché non si avvicinino al vulcano. Makoto Saito, un responsabile dell’agenzia, in una conferenza stampa, ha affermato che “un’eruzione si è sviluppata”. In tutto il Giappone, 110 sono i vulcani attivi. A settembre 2014, 63 persone sono state uccise a Mount Ontake, il peggiore disastro vulcanico avvenuto nel Paese negli ultimi 90 anni.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->