domenica, Maggio 16

Giappone: ecco Aibo, il cane robot della Sony Dopo 11 anni, un gradito ritorno

0

Il gigante giapponese dell’ elettronica, la Sony, ha fatto sapere che dal prossimo 11 gennaio tornerà sul mercato Aibo, il cane robot, che tornerà ad abbaiare dopo un “letargo” di quasi 11 anni. Grazie alla sua intelligenza artificiale, sarà capace di interagire con i proprietari.

Era stata una scelta difficile quella di fermare il progetto, ma in tutti questi anni abbiamo continuato lo sviluppo di intelligenza artificiale e robotica” ha dichiarato l’ Amministratore Delegato Kazuo Hirai. Più di 150 mila erano stati gli esemplari venduti in Giappone nel 1999. primo anno di produzione. Produzione che è stata poi interrotta nel 2006, a causa delle difficoltà economiche che viveva la Sony.

Con una batteria dalla durata di due ore (ne occorreranno tre per ricaricarla), il nuovo Aibo sarà in grado di muoversi lungo 22 assi e i suoi occhi, costituiti da pannelli Oled, potranno riprodurre diverse tipologie di espressioni, rendendolo sempre più un cane reale, dai comportamenti naturali, e capace di adattare le sue reazioni alle diverse circostanze. Inoltre, potrà riconoscere i volti delle persone che incontrerà e scambiare informazioni attraverso cloud con gli altri esemplari. Il prezzo iniziale per il pubblico giapponese? 1740 dollari.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->