venerdì, Aprile 23

Giacarta, al via il World Islamic Economic Forum

0

È stato inaugurato ieri dal Presidente indonesiano Joko Widodo il 12° World Islamic Economic Forum, a Giacarta. All’evento (che si concluderà domani, giovedì 4 agosto) parteciperanno più di 2500 delegati di oltre 69 Paesi. Nel discorso di apertura dei lavori, Widodo ha dichiarato che «la comunità musulmana deve utilizzare i propri poteri fondamentali per affrontare l’economia globale», basando le proprie previsioni ottimistiche sulle potenzialità della giovane popolazione musulmana: dati demografici alla mano infatti, la comunità musulmana si distingue rispetto alle altre per la bassa età media (30 anni). Una grande presenza di giovani che fa ben sperare per il futuro.

Il Forum di Giacarta si è aperto all’insegna della linea guida “Costruire ponti attraverso le imprese”. Capi di Governo, imprenditori industriali, studiosi accademici, esperti regionali, professionisti e manager aziendali discuteranno delle opportunità di partnership commerciali all’interno del mondo musulmano. I principali argomenti discussi riguarderanno le pratiche di ristrutturazione e supporto delle piccole e medie imprese e la loro internazionalizzazione (interessante, a tal proposito, l’importanza riservata al ruolo delle donne imprenditrici), lontano dal dominio delle grandi multinazionali, con interventi volti a garantire un aumento dell’occupazione; il miglioramento del benessere economico delle comunità musulmane di tutto il mondo attraverso l’aumento delle trattative commerciali; l’attrazione di partner e investitori stranieri; la promozione di alleanze strategiche attraverso l’incremento del dialogo e la cooperazione degli uomini d’affari musulmani e non; infine, l’evoluzione di un discorso di collaborazione economica per favorire la pace e la prosperità tra i vari Paesi.

(video tratto dal canale Youtube di ‘CCTV English’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->