mercoledì, Ottobre 27

Gerusalemme: la provocazione israeliana continua Testimonianza oculare di Abdel Ruished - PhD Researcher in Politics, Lancaster University - di come le forze di sicurezza israeliane anche dopo il cessate il fuoco continuano a provocare i palestinesi, e di come li hanno provocati prima della quarta guerra di Gaza

0

Non molto tempo dopo l’entrata in vigore del cessate il fuoco tra Israele e Hamas, venerdì 21 maggio, i membri delle Forze di difesa israeliane (IDF) sono entrati nella moschea di al-Aqsa, a Gerusalemme Est, secondo quanto riferito, usando gas lacrimogeni e granate stordenti per disperdere i musulmani che lì pregavano.

Durante il fine settimana, il personale dell’IDF ha scortato i visitatori ebrei al Monte del Tempio, che occupa lo stesso sito di al-Aqsa e ha un significato religioso speciale come sito del tempio biblico. Il waqf, o autorità islamica che controlla il sito, ha affermato che l’IDF ha allontanato i giovani palestinesi dal sito e vietato l’ingresso a tutti i musulmani di età inferiore ai 45 anni. È stato riferito che un piccolo numero di manifestanti musulmani è stato arrestato. I dettagli rimangono poco chiari.

Gli incidenti sono stati segnalati come tentativi di provocazioneNel corso degli anni, la moschea di al-Aqsa è stata un focolaio di violenze tra israeliani e palestinesi ed è stata il luogo dello scoppio della seconda rivolta dell’intifada nel 2000. Ciò è avvenuto dopo che Ariel Sharon, l’allora Primo Ministro di Israele, ha visitato il sito con una scorta di forze di difesa pesantemente armate, non molto tempo dopo il fallimento dei colloqui di pace a Camp David con l’allora leader palestinese Yasser Arafat. La rivolta durata cinque anni è costata circa 3.000 vite palestinesi.

Come ricercatore di dottorato in scienze politiche, sono stato a Gerusalemme Est per intervistare persone e cercare di comprendere i vari metodi di controllo utilizzati dal governo israeliano per regolare la popolazione palestinese nella città. Ho osservato le azioni dei giovani attivisti palestinesi e sono rimasto impressionato dai modi in cui molti hanno evitato di ricorrere alla violenza, utilizzando invece forme pacifiche di protesta per dimostrare ai media mondiali il loro punto di vista.

Ciò si è manifestato nei primi giorni del Ramadan (dal 13 aprile al 12 maggio) quando la Polizia di frontiera israeliana ha installato barricate metalliche a Damasco Gate Square. Questi cancelli limitavano il movimento delle persone e impedivano ai venditori ambulanti locali di svolgere la propria attività. Ha anche impedito ai palestinesi di sedersi sui gradini della piazza stessa, che è un tradizionale luogo di incontro dopo le preghiere della sera durante il Ramadan.

Così i giovani attivisti palestinesi si sono radunati in folla dentro e intorno alla piazza. Mentre guardavo, i giovani attivisti si sono scontrati con la polizia israeliana di stanza alle barricate,cantando canzoni e facendo esercizi ginnici. A guardare, la Polizia israeliana sembrava impreparata. Né il loro kit né le loro regole di ingaggio li hanno preparati per affrontare questa forma di protesta pacifica.

Quindi hanno usato gas lacrimogeni e granate stordenti per ripulire le aree. Hanno anche spruzzato i manifestanti con acqua sporca sintetizzata chimicamente, che lascia un odore sgradevole nei vestiti delle persone che è difficile da rimuovere. Hanno usato la Polizia a cavallo per inseguire, intimidire e disperdere i giovani manifestanti. L’ho visto accadere dal balcone di un ristorante vicino il cui proprietario è un mio amico. Un altro amico, che era tra i manifestanti, è stato spruzzato con l’acqua sporca.
I manifestanti hanno continuato a raggrupparsi e tornare.
Per due settimane hanno continuato con queste manifestazioni. Il 26 aprile le autorità israeliane hanno ceduto alle pressioni e hanno rimosso le barriere, permettendo ai palestinesi di tornare ai loro tradizionali raduni nei pochi giorni rimasti del mese sacro.

Nel frattempo, il 17 maggio, la data assegnata dalla corte distrettuale israeliana ai coloni per sfrattare e sostituire diverse famiglie palestinesi dalle loro case nel vicino quartiere di Sheikh Jarrah, si stava avvicinando sempre di più. Le autorità israeliane hanno erroneamente descritto questa come una ‘disputa immobiliare‘.

Ma è ampiamente visto dai palestinesi come un atto deliberato dipulizia etnicaper cambiare la demografia di questo quartiere arabo tradizionalmente musulmano. Secondo quanto riferito, i coloni avrebbero intimidito e attaccato le famiglie e i manifestanti, spesso con il sostegno delle forze di sicurezza israeliane.

Secondo quanto riferito, i coloni hanno fatto ricorso a mezzi extra-legali sia legali che violenti, ad esempio spruzzando pepe sui manifestanti che si preparavano per l’iftar, la colazione del Ramadan. Ancora una volta, gli attivisti palestinesi che si sono riuniti per offrire sostegno alle famiglie in attesa di sfratto, hanno evitato la violenza, ballando il dabke e cantando canzoni patriottiche.

Questi attivisti hanno anche usato bene i social media, pubblicando regolarmente dettagli e informazioni su Twitter -vedi l’hashtag #SaveSheikhJarrah- così come su Facebook e TikTok per esporre l’aggressione dei coloni e spiegare le questioni legali dietro i tentativi di sgombero.

A seguito dell’attenzione globale concentrata sui tentativi di sgombero e sul livello di sostegno alle famiglie palestinesi minacciate, il 9 maggio il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha ordinato il congelamento dei procedimenti di sgombero presso la corte suprema.

Allo stesso modo, le autorità israeliane si sono rese conto che instradare la ‘marcia della bandiera’ attraverso il quartiere musulmano di Gerusalemme attraverso la Porta di Damasco in uno sfondo di tale tensione rischiava ulteriori violenze e condanne da parte del mondo che guardava. Quindi la marcia è stata deviata per passare attraverso la Porta di Giaffa, invece della Porta di Damasco, mantenendo i manifestanti più vicini a Gerusalemme Ovest, quasi sulla linea di confine del 1967.

Sembra che queste manifestazioni pacifiche siano state almeno una parte del motivo per cui in questo momento a Gerusalemme è stata per lo più evitata un’esplosione di violenza. Mi piace pensarla come la ‘primavera di Gerusalemme’.

Ma la politica nazionale israeliana ha improvvisamente alzato la sua brutta testa.Netanyahu si stava rendendo conto che dopo le elezioni del 23 marzo non sarebbe stato in grado di formare un Governo. Il Presidente israeliano, Reuven Rivlin, aveva chiesto al politico dell’opposizione Yair Lapid di formare una coalizione con il Ministro della Difesa, Naftali Bennett, il che avrebbe significato la perdita del potere di Netanyahu.

In questo contesto, la Polizia israeliana ha fatto irruzione nella moschea di al-Aqsa. Ci sono state segnalazioni di rappresaglie da parte di musulmani nella moschea, compreso il lancio di molotov da parte di giovani attivisti. Ma quel giorno ero lì e non ho visto niente.

Nel frattempo, i combattenti di Hamas hanno iniziato a lanciare missili in Israele da Gaza, provocando una massiccia rappresaglia israeliana. Per 11 giorni, l’attenzione del mondo è stata sulla minuscola enclave palestinese dove 2 milioni di persone sono state sottoposte a bombardamenti quasi costanti da attacchi aerei israeliani.

Ma il 18 maggio, i palestinesi di Gerusalemme Est hanno organizzato uno sciopero di un giorno. Ancora una volta, questo era pacifico. Le proteste creative durante lo sciopero includevano l’organizzazione di gare di scacchi in strada fuori dalle case delle famiglie minacciate di sfratto.

Dopo la pressione globale, Hamas e Israele hanno concordato un cessate il fuoco il 21 maggio. Come ora sappiamo, in poche ore le forze di sicurezza israeliane sono entrate ad al-Aqsa e hanno usato la forza per disperdere le persone in preghiera.
La provocazione continua, possiamo solo sperare che prevalgano manifestazioni pacifiche ed evitino un altro scoppio di violento conflitto in questa città divisa.

 

 

Traduzione dell’articolo ‘Jerusalem: eyewitness account from a divided city‘ da ‘The Conversation’

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->