sabato, Aprile 10

Gerusalemme, c’è la prova che esisteva il governatore Autori della scoperta del sigillo, avvenuta durante degli scavi nell'area del Muro del Pianto, sono stati degli archeologi israeliani

0

Importantissima scoperta nella Città Vecchia di Gerusalemme. E’ stato ritrovato un sigillo dalle dimensioni di una piccola moneta, risalente ad oltre 2700 anni fa e che riporta la scritta in ebraico ‘appartenente al governatore della città’. Tutto normale se non fosse che mai fino ad ora era stata confermata con manufatti l’esistenza di quella che era la più alta carica amministrativa dell’epoca, più volte riferita dalla Bibbia.

Autori della scoperta, avvenuta durante degli scavi nell’area del Muro del Pianto, sono stati degli archeologi israeliani. Gli studiosi sostengono che il manufatto sia appartenuto ad un governatore di Gerusalemme. La moneta raffigura due uomini in piedi che indossano abiti a righe fino alle ginocchia e che si fronteggiano a specchio. Probabilmente faceva parte di una spedizione o venne inviata come souvenir a nome dello stesso governatore.

Nella Bibbia i governatori della città di Gerusalemme vengono menzionati due volte (in uno dei libri dei Re e nel secondo delle Cronache) e «questo reperto supporta proprio l’esistenza di un governatore in città 2.700 anni fa», dice l’archeologa Shlomit Weksler-Bdolah.

(video tratti dia canali Youtube di u2bheavenboundRuptly TV)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->