sabato, Settembre 25

Georgia: stop alle discriminazioni contro Lgbt field_506ffb1d3dbe2

0

Il governatore della Georgia Nathan Deal ha messo il veto alla controversa legge che avrebbe limitato i diritti di lesbiche, gay, bisessuali, transgender (Lgbt). Il testo del suddetto decreto trae spunto dal  principio delle libertà religiose ed avrebbe  reso legale ogni forma di discriminazione riferita ai membri della Lgbt da parte delle organizazioni religiose. Nello stato era stata attivata una raccolta firme contro la normativa, firmata sia da cittadini comuni sia da membri del mondo del business e delle spettacolo, come Tim Cook il patron di Apple. «Per quanti tra coloro che, nella comunità religiosa, hanno fatto ricorso agli insulti nei confronti delle mie convinzioni e del mio carattere e per quanti tra coloro che, nel mondo del business, hanno minacciato di ritirare la propria attività dal nostro Stato: queste persone devono sapere che io non reagisco affatto bene nè agli insulti nè alle minacce» ha dichiarato  Deal  per motivare la sua decisione, sostenendo di voler impedire qualsiasi tipo di discriminazione all’interno del suo stato.

 

(Fonte tratta dal canale YouTube NBC News)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->