sabato, Maggio 21

Genocidio in Ucraina: Putin non si fermerà finché il mondo non lo fermerà La continua esitazione del mondo occidentale crea l'impressione che alla fine sarà permesso al Cremlino di portare avanti la sua agenda criminale

0

Da quando Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione dell’Ucraina sei settimane fa, molte delle illusioni al centro dell’ordine mondiale del dopo Guerra Fredda sono crollate. I diritti che tutti ritenevamo inalienabili sono infatti a disposizione solo di chi dispone delle necessarie garanzie di sicurezza. Per tutti gli altri, la paura ha la meglio sulla libertà e i valori condivisi non hanno praticamente alcun valore.

Nessuno ne è più consapevole del popolo ucraino. Nonostante mesi di avvertimenti su un imminente attacco russo su vasta scala, le persone si sono semplicemente rifiutate di credere che cose del genere potessero ancora accadere nell’anno 2022. Fino alle 5 del mattino della fatidica mattina del 24 febbraio, l’idea di una grande guerra europea sembrava troppo fantasiosa per accadere.

Naturalmente, il mondo intero sa cosa è successo dopo.

A più di un mese di distanza, la mancanza di una risposta internazionale decisa è la prova che Putin aveva ragione a contare sulla debolezza del mondo democratico. Mentre le truppe russe massacrano i civili a Bucha e in dozzine di altre città ucraine, i politici tedeschi continuano a dibattere su possibili future riduzioni degli acquisti di gas russi, mentre la Francia mette in guardia dal provocare Putin. I Paesi europei rimangono profondamente riluttanti ad armare l’Ucraina, ma non hanno tali riserve sull’invio a Mosca di miliardi di dollari ogni settimana per aiutare a finanziare la guerra.

I portabandiera dell’ordine internazionale in istituzioni come la NATO, l’Unione Europea e l’ONU continuano a difendere l’idea di un mondo basato sulle regole con discorsi solenni e frequenti espressioni di preoccupazione. Tuttavia, resta da vedere se le regole che difendono hanno ancora un significato reale. Queste nozioni persistenti di un ordine basato su regole hanno davvero impedito alla Russia di espandere il suo attacco a Polonia, Lituania e Lettonia, o semplicemente questi Paesi non fanno ancora parte dei piani tattici di Mosca?

Invece di punire Putin per i suoi crimini oltraggiosi, il mondo che osserva gli permette di agire con relativa impunità. I leader occidentali gli danno l’iniziativa e aspettano di vedere cosa farà dopo. Le loro minacce di sanzioni future suonano sempre più vuote a ogni nuova atrocità.

Tale comportamento non segnala forza. Ciò è particolarmente vero perché la forza è l’unico linguaggio che Putin comprende. Ogni volta che l’Occidente mostra debolezza nei confronti della Russia, questo viene interpretato a Mosca come un invito aperto ad andare oltre.

È già sempre più evidente dove sta portando tutto questo. Per anni Putin ha dichiarato apertamente di non riconoscere il diritto di esistere dell’Ucraina. Ha etichettato l’Ucraina come una creazione artificiale dei bolscevichi e ha dichiarato che tutti gli ucraini sono russi. Il moderno Stato ucraino, dice, è un’illegittimaanti-Russia’ gestita da ‘neo-nazisti’ e dai loro protettori occidentali. Questo è il linguaggio del genocidio ed è ora accompagnato dalle azioni dei suoi militari in Ucraina.

Il tempo sta finendo. Sappiamo che le truppe russe hanno già iniziato le esecuzioni di massa della popolazione civile ucraina. Le recenti rivelazioni sui crimini di guerra russi nei sobborghi  intorno a Kiev hanno suscitato un’ondata di repulsione e indignazione in tutto il mondo, ma dobbiamo ancora vedere una reazione adeguatamente forte. Invece, sentiamo più parlare di sanzioni più severe e tentativi di difendere le linee rosse convenzionali che Putin ha ignorato da tempo. Gli assassini di massa non hanno paura delle sanzioni pecuniarie.

Putin non fermerà la sua guerra di annientamento in Ucraina finché il mondo non lo fermerà. Le atrocità commesse durante il primo mese di guerra lasciano poco spazio a dubbi sulle sue intenzioni. Allo stesso tempo, la continua esitazione del mondo occidentale crea l’impressione che alla fine gli sarà permesso di portare avanti la sua agenda criminale.

La comunità internazionale è apparentemente così spaventata da ciò che Putin potrebbe fare dopo, che non è più in grado di riconoscere l’enormità di ciò che ha già fatto e sta facendo proprio in questo momento. L’unico obiettivo sembra essere evitare tutto ciò che potrebbe provocare un’ulteriore escalation. Quando si ha a che fare con un bullo come Putin, questo è il peggior approccio possibile da adottare.

Se i leader occidentali desiderano difendere l’ordine basato sulle regole che li ha garantiti così bene, devono farlo con urgenza in Ucraina. Ciò significa fornire all’esercito ucraino le armi offensive necessarie per sconfiggere la Russia sul campo di battaglia. Basta una sconfitta decisiva per scongiurare la catastrofe. Il tempo dei ricorsi a norme e regolamenti è ormai passato. Tali sottigliezze appartengono a un mondo diverso che è scomparso da tempo. Sacrificare il futuro dell’Ucraina non lo riporterà indietro.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Mykhailo Tkach è giornalista dell’Ukrainska Pravda.

End Comment -->