venerdì, Aprile 23

General Electric, un successo inaspettato

0

General Electric ha registrato un forte aumento del reddito netto rettificato nel secondo trimestre, lo scorso venerdì. Le sue attività di trasporto aereo, di assistenza sanitaria e di alimentazione sono in netto rialzo grazie al calo della domanda di mezzi di trasporto che utilizzano petrolio e gas. Un impulso dalla vendita della sua attività elettrodomestici ha contribuito ulteriormente a sollevare  i guadagni. Secondo ‘Reuters’, i guadagni registrati dalla General Electric hanno superato le aspettative degli azionisti con un incremento di 51 cenatesi delle azione prima valenti 46. Il reddito è cresciuto del 15 per cento a $ 33,5 miliardi di dollari, aiutato da un aumento del 31% business.

La multinazionale nata nel 1892 dalla fusione della Edison Electric Light Company, nata nel 1878 dal genio di Thomas Alva Edison, e della Thomson-Houston Company, è stata nominata dalla rivista americana Forbes nel 2009 prima compagnia al mondo per importanza. Presente  in Italia dal 1929 impiega 12.500 dipendenti operanti in 8 divisioni di business aventi più di 20 siti di lavoro di cui fanno parte anche due centri di Ricerca & Sviluppo e un Centro di Formazione Manageriale. Presidente e Amministratore Delegato di General Electric Italia è, dal novembre 2011, Sandro De Poli.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Wochit‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->