lunedì, Aprile 19

GB, troppe le giovani donne vittime di molestie sessuali

0

E’ passato da poche ore l’8 marzo, la festa delle donne. E in Gran Bretagna arrivano numeri che devono far riflettere. Secondo un recente studio ben l’85% delle giovani donne tra i 18 e i 24 anni subisce pubblicamente molestie sessuali. Di queste il 45% non ha avuto alcun aiuto, mentre solo l’11% dichiara di aver ricevuto un intervento che ponesse fine alle molestie. E alcune di queste storie sono davvero incredibili. Segno che nonostante gli anni di battaglie, la strada per eliminare le violenze è ancora molto lunga.

Intanto proprio dall’Inghilterra arriva una bizzarra notizia: a Bristol un’azienda ha deciso di introdurre il cosiddetto congedo mestruale per tutte le sue dipendenti che soffrono di dolori nella loro fase di dismenorrea, un’alterazione mestruale accompagnata da disturbi generali o locali e da dolori alla regione pelvica e all’addome. Nel 30% circa dei casi può impedire le normali attività quotidiane, costringendo addirittura alcune donne a letto. L’ideatrice del progetto ha così commentato questa decisione: «Come manager di uno staff di 24 donne che rappresentano il 75% totale dei dipendenti, vedo spesso le mie colleghe imbarazzate davanti all’idea di chiedere uno o due giorni di malattia per qualcosa che le mette fuori uso una volta al mese. Quindi nella maggior parte tendono a nasconderlo».

(video tratto dal canale Youtube di SKY News)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->