domenica, Maggio 16

Gb: May nuovo premier, che la Brexit abbia inizio field_506ffb1d3dbe2

0
1 2


Nel Regno Unito Theresa May diventa premier: la ‘Brexit’ potrà ora avere inizio. Dopo essere rimasta l’unica a concorrere per la guida del partito conservatore, l’ex ministra dell’interno prende il posto del dimissionario David Cameron, che oggi ha rimesso il mandato nelle mani della regina Elisabetta II. Dopo Margaret Thatcher, May è la seconda donna a ricoprire l’incarico di capo del governo del Regno Unito. Il suo compito sarà portare Londra fuori dall’Unione europea, chiedendo l’applicazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona. A tal fine si è detta favorevole alla creazione di un ministero dedicato al processo di uscita del Paese dall’Ue.

La Cina ha diritto di creare una «zona di difesa aerea» sul mar Cinese meridionale: lo ha affermato il viceministro degli Esteri della Repubblica popolare, Liu Zhenmin, all’indomani della sentenza della Corte di arbitrato dell’Aja che ha dato ragione alle Filippine in merito all’espansionismo di Pechino. In un documento del governo sulle conclusioni relative all’arbitrato internazionale, viene ribadito che «nel caso in cui la nostra sicurezza si vedesse minacciata» verrà stabilita una Zona di identificazione di Difesa aerea (Air Defence Identification Zone) sul Mar cinese meridionale, come quella già creata dalla Cina nel 2013 in un tratto di mare conteso con il Giappone.

L’imperatore giapponese Akihito ha deciso di abdicare. Lo rivela l’emittente pubblica giapponese Nhk, secondo la quale l’imperatore avrebbe espresso all’Agenzia della casa imperiale la sua intenzione di cedere il trono nel giro di “qualche anno”. Sarebbe la prima volta nella storia del Giappone moderno. Akihito, diventato imperatore nel 1989 al posto di Hirohito, ha 82 anni e negli ultimi tempi ha avuto diversi problemi di salute. A succedergli sarà il principe ereditario Naruhito.

Corte Ue divisa sul divieto del velo islamico sul luogo di lavoro: toccherà ora a giudici dirimere la questione, dopo che, su due casi simili, gli avvocati generali sono giunti a conclusioni opposte. L’avvocato Sharpstone ha concluso oggi che vietare il velo è «un’illegittima discriminazione diretta», mentre un mese fa il suo collega Kokott aveva stabilito che il divieto è «legittimo», se risponde a una regola aziendale di neutralità religiosa e ideologica.

La Francia ha annunciato la chiusura delle sue missioni diplomatiche in Turchia per motivi di sicurezza. Nel dettaglio, l’ambasciata francese di Ankara, il consolato francese di Istanbul e quello di Smirne rimarranno chiuse a tempo indeterminato a partire dal 13 luglio. Annullate anche tutte le celebrazioni previste in occasione del 14 luglio, festa nazionale francese, dopo che alcune informazioni in possesso dei diplomatici francesi facevano pensare a una seria minaccia terroristica in occasione della ricorrenza. Il governo francese ha invitato l’ex capo della Commissione europea, José Manuel Barroso, a rinunciare all’incarico di alto livello negli Stati Uniti nella banca d’investimento Goldman Sachs, definendo la decisione ‘scandalosa’. Il ministro degli Esteri francese, Harlem Désir, ha sottolineato che la questione ha sollevato domande sull’eventualità di norme sul conflitto di interessi nell’Unione europea per gli ex funzionari.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->