sabato, Ottobre 23

GB, le richieste di Cameron per rimanere nell'UE

0
1 2


Nel frattempo tornano a farsi delicate le relazioni tra USA e Russia. Il presidente Vladimir Putin ha confermato che Mosca prenderà delle ‘contromisure’ in risposta allo scudo anti missile Usa e «lavorerà anche sui sistemi di attacco capaci di superare qualsiasi sistema antimissilistico». Il messaggio, forte e chiaro, arriva dopo la decisione degli Stati Uniti di proseguire con i piani per implementare lo scudo antimissile in Europa. Un messaggio che di sicuro non avrà lasciato una buona impressione a Barack Obama, impegnato alla Casa Bianca in un colloquio con il premier israeliano Benyamin Netanyahu. «Uno dei migliori incontri avuti con il presidente e penso che lui direbbe la stessa cosa», il commento di Netanyahu alla stampa. Si parla di un accordo raggiunto su possibili aiuti militari (50 miliardi di dollari in 10 anni) ad Israele. Obama però continua a premere sul tasto dei ‘due stati’ per risolvere la questione palestinese. Mentre Netanyahu afferma che c’è la possibilità di ‘annettere le Alture del Golan’ alla luce della guerra civile in Siria.

«I tempi sono cambiati, la gente è cambiata». In un’intervista alla ‘Bbc’ il premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi parla della vittoria nelle ultime elezioni in Birmania«Trovo che la gente adesso sia molto più politicizzata, non solo rispetto al 1990 ma anche rispetto al 2012. La gente è molto più vigile rispetto a ciò che succede, c’è la rivoluzione della comunicazione, che ha fatto una differenza enorme: tutti vanno sulla Rete e informano tutti gli altri su quello che succede. Quindi è molto più difficile per coloro che vogliono commettere irregolarità farla franca». Crede che gli altri partiti accetteranno il voto, ma ammette anche che ci sono state «aree di intimidazione».

Rimanendo in Asia, è allarme smog in Cina. Nel nord del Paese è massima allerta, con l’inquinamento che ha portato anche alla cancellazione di voli e alla chiusura di intere autostrade. Gli ecologisti denunciano che nella metropoli di Shenyang il livello di inquinamento è «il più alto che si sia mai registrato nel mondo», con dati di pm 2,5 (particolato del diametro inferiore a un quarto di centesimo di millimetro) 56 volte quello ritenuto il massimo sopportabile dall’OMS. E la situazione nel resto del nord-est della Cina non è molto lontana da quella del Nord. Il ministro per la Protezione dell’Ambiente Chen Jining ha assicurato che le leggi in materia saranno rafforzate nei prossimi cinque anni.Ma con il COP21 di Parigi alle porte, l’allarme è ancor più forte.

Tornando in Europa, il parlamento di Barcellona ha approvato una mozione nella quale dichiara l’inizio del processo verso la costituzione di uno stato indipendente catalano ‘sotto forma di repubblica’. La mozione è stata approvata con i 72 voti della maggioranza indipendentista. Mas, vincitore delle elezioni regionali del 27 settembre, ha promesso di portare la Catalogna all’indipendenza nel 2017. Ma il premier spagnolo Mariano Rajoy ha annunciato un immediato ricorso alla Corte costituzionale di Madrid contro la mozione indipendentista.

Infine in Germania è arrivata la notizia della morte dell’ex cancelliere tedesco Helmut Schmidt. Ex politico dell’Spd, socialdemocratico, 96 anni, nel settembre scorso era stato operato d’urgenza alla gamba. Schmidt è morto nella sua casa di Amburgo. Il cordoglio per la sua morte è arrivato da tutti i leader europei e non solo.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->