domenica, Settembre 19

GB: Facebook chiude la pagina di Britain First In particolare sono state chiuse le pagine dei due leader del partito. Inoltre il partito non potrà più aprire altre pagine in futuro

0

Facebook ha annunciato di aver rimosso la pagina del movimento britannico di estrema destra Britain First. Il motivo è la reiterata pubblicazione di commenti che istigano odio nei confronti delle minoranze (islamici in particolare). In particolare sono state chiuse le pagine dei due leader del partito, Jayda Fransen e Paul Golding. Inoltre Britain First, la cui pagina contava oltre 2 milioni di iscritti, non potrà più aprire altre pagine in futuro.

Una nuova tegola sulla testa del movimento di estrema destra britannico dopo la carcerazione di Frasen e Golding, avvenuta la scorsa settimana, per ‘crimini d’odio contro i musulmani’ e la cancellazione dall’elenco dei partiti politici nel novembre 2017.

Facebook ha firmato di recente con altri social network un ‘codice di condotta’ sviluppato dalla Commissione europea per combattere i discorsi di odio online. Una decisione clamorosa e senza precedenti quella del colosso americano, il cui stop contro Britain First potrebbe ora aprire diversi scenari sulle azioni che i social media potrebbero intraprendere nei confronti di gruppi politici dalle tendenze xenofobe e razziste.

(video tratto dal canale youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->