sabato, Luglio 24

GB, ecco il manifesto Labour

0

‘Ai tanti non ai pochi’, questo lo slogan del manifesto con cui Jeremy Corbyn si presenta agli elettori insieme al partito Labour alle prossime elezioni politiche in Gran Bretagna dell’8 giugno. Una svolta vera quella del partito, che si presenta con un programma davvero di sinistra come, secondo la stampa, non accadeva da 35 anni.

Altro che compromesso, come visto ai tempi di Tony Blair. Stavolta si vuole cambiare davvero e il Labour ne ha bisogno, per se stesso e per il Paese. Al centro del Manifesto presentato da Corbyn l’idea di una nazionalizzazione su larga scala: non solo le ferrovie, ma anche diverse società del settore idrico. E poi diverse le novità fiscali, a partire dall’introduzione di una ‘Robin Hood Tax’ e l’ampliamento della fascia soggetta all’aliquota più alta. Corbyn poi punta ad un’istruzione universitaria gratuita per tutti, oltre alla costruzione di alloggi popolari, fondi per aiutare i senza casa e aumento dei finanziamenti per il welfare.

I Tory hanno duramente criticato le proposte dei Labour, parlando del rischio di un aumento ‘drammatico’ delle tasse. La sfida si giocherà sulla working class, come si capisce dal programma laburista, ma questo è solo l’inizio. Tanto ancora il terreno da recuperare sui Tories di Theresa May, al momento con il 49% dei consensi contro il 31% dei Labour.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->