giovedì, Luglio 29

GB: Cameron, l'addio ironico alla Camera field_550b07670f6ed

0

Giornata intensa quella di ieri in Gran Bretagna per David Cameron. Il primo ministro britannico ha formalizzato le proprie dimissioni, annunciate già dopo il risultato del referendum sulla Brexit, e ha tenuto il suo ultimo discorso da premier in carica alla Camera dei Comuni prima di lasciare il posto al nuovo leader dei Tories Theresa May. Per lui un’ultima seduta in Parlamento davvero inusuale, all’insegna dell’ironia. «Io ero il futuro, una volta», ha scherzato, per poi attaccare in maniera altrettanto ironica il suo avversario Labour, Jeremy Corbyn: «Mi ricordi il cavaliere nero dei Monty Python e il Sacro Graal. Ammiro la tua tenacia», alludendo al fatto che l’80% dei deputati del suo partito lo ha sfiduciato. Ha anche mostrato la foto del gatto Larry, felino ufficiale di Downing Street: «Lo amo», ha detto.

 

Poi alcune battute serie: la prima alla nuova premier May, a cui ha consigliato di «rimanere il più vicina possibile all’Ue», per poi ricordare che come presidenti donne i Tories sono 2 a 0. Infine sul Paese: «Lo lascio più forte, un deficit calo, un’economia in crescita. Ora andrò a Buckingham Palace per dare le dimissioni alla Regina. Faccio i miei migliori auguri a Theresa May, che possa negoziare le migliori condizioni per l’uscita della Gb dalla Ue. Un pensiero a tutte le famiglie che hanno perso qualcuno per la nostra difesa. Come premier ho cercato di rafforzare la nostra comunità, non è stato facile, le nostre politiche hanno molti aspetti diversi e i temi affrontati sono molto scottanti e forti. Voglio ringraziare quanti mi hanno sostenuto, è stato un grande privilegio servire il Paese come premier per sei anni e per undici come leader dei conservatori». Poi ha chiuso dicendo che gli mancheranno «il ruggito della folla e gli strali dell’opposizione», ma «continuerò ad appoggiarvi tutti con entusiasmo, dovete essere fieri del vostro lavoro».

 

(video tratti dai canali Youtube di USA Today e The Telegraph)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->