martedì, ottobre 23

Gaza ieri: qualcosa succederà presto, forse la guerra Come in passato c'è stata una nuova escalation: ancora bombardamenti, ma questa volta sembra esserci dell'altro sotto

0

Come in passato c’è stata una nuova escalation: ancora bombardamenti. Di tanto in tanto la situazione diventa calda; Gaza è ostaggio di partiti politici, dell’occupazione sionista e di gruppi armati corrotti. Ma questa volta sembra esserci dell’altro sotto.

Questo pare essere un’introduzione a qualcosa che succederà presto, forse la guerra. Le opzioni d’altronde sono o arrendersi o disarmare i gruppi armati. Quella più vicina è proprio la guerra. I raid aerei israeliani si sono fermati da pochi minuti, ma i droni e gli aerei da guerra sorvolano ancora nel cielo. Poche ore dopo la situazione è tornata alla calma dopo la mediazione egiziana.

Purtroppo Donald Trump potrebbe dichiarare di trasferire l’Ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme, poiché annuncerà che Gerusalemme è la capitale di Israele. L’ONU e la comunità internazionale hanno riconosciuto che Gerusalemme Est è la capitale della Palestina e Israele deve ritirarsi da tutte le terre occupate durante i sei giorni del 1967.

Gerusalemme è l’eterna capitale della Palestina, qualunque cosa accada un giorno saremo ripagati, speriamo. L’Italia è sempre a fianco del popolo palestinese. Il popolo palestinese ama molto l’ItaliaMa ieri anche qualcuno di voi italiani si è scordato delle risoluzioni delle Nazioni Unite, ho visto, infatti, che ieri quelli delGiro d’Italiada bravi cagnolini ubbidienti e affamati appena Israele ha fatto la voce grossa con un tratto di penna ha provato cancellare la Risoluzione N° 478 del 1980. E’ vero, Israele a Gaza prende misure che non sarebbero accettabili nella maggior parte delle società del XXI secolo. Però … e quel che è peggio è grandi democrazie occidentali avvallano tutto, perfino la violazione del diritto internazionale.

Onestamente, ieri a Gaza c’era tensione e preoccupazione per questa escalation perché ci siamo sentiti come se vivessimo ancora questo incubo della guerra. Non so quando potremmo vivere come ogni essere umano in pace e tranquillità e respirare un po’ di libertà nella nostra vita.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore