mercoledì, Aprile 14

Gaza, dipendenti Unrwa in piazza contro i tagli ai fondi Il tutto è dovuto alla forte riduzione dei finanziamenti attesi quest'anno dagli Stati Uniti

0

Scuole chiuse ieri a Gaza e tredicimila dipendenti dell’Unrwa (l’agenzia delle Nazioni Unite per i profughi palestinesi) in piazza per la giornata di sciopero in protesta contro i tagli che l’organizzazione si appresterebbe a compiere a causa di una forte riduzione dei finanziamenti attesi quest’anno dagli Stati Uniti.

In un contesto di forti tensioni tra Stati Uniti e Palestina, alimentate anche dalla decisione di spostare l’ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, l’amministrazione Trump ha annunciato poche settimane fa la sospensione del pagamento di 65 milioni di dollari all’Unrwa e 45 milioni di dollari supplementari destinati ad aiuti alimentari ai palestinesi.

Secondo dati apparsi sulla stampa locale, il 70% della popolazione di Gaza si trova al di sotto dei livelli di povertà e il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 60%. Nei giorni scorsi i dirigenti di Hamas sono tornati a polemizzare con l’Autorità nazionale palestinese di Abu Mazen, accusandola fra l’altro di non aver inoltrato alla Striscia fondi necessari all’acquisto di medicinali.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->