domenica, Ottobre 24

GaySA Radio, la voce dei gay in Africa field_506ffb1d3dbe2

0

GaySA Radio: è questo il nome della prima stazione radio gay in Africa. Una radio che spera di essere la prima, e non l’unica, voce per coloro che ancora lottano per essere accettati e migliorare la visibilità delle persone LGBT in tutto il Continente. GaySA trasmette direttamente da Pretoria, Sudafrica, l’unica nazione del Continente nero dove i diritti LGBT sono sanciti dalla costituzione, visto che l’omosessualità rimane illegale in oltre 30 Paesi. «Penso che sia importante per le persone gay avere una voce», ammette alla ‘BBC‘ il responsabile della stazione Hendrik. «Soprattutto nel Continente africano, ci sono tanti Paesi che hanno una legislazione molto repressiva e GaySA Radio è davvero l’unico luogo dove le persone omosessuali hanno una voce, dove si possono dire cose importanti, non solo per loro, ma anche per demistificare l’omosessualità». «Il motivo per cui sono stato coinvolto con GaySA Radio, ma in un certo senso tutti, è perché abbiamo tutti avuto cugini gay, parenti gay, e penso che sia mio dovere creare consapevolezza e di insegnare alla gente che i gay sono tutti normali e tutti noi possiamo stare insieme», dice uno dei presentatori, Lesego Ramagona. Per fortuna non è l’unica iniziativa in tal senso. Già dal dicembre 2014 in Uganda c’è Bombastic, il primo mensile gay dell’Africa Orientale dove vengono pubblicate le storie quotidiane, le testimonianze e le opinioni di omosessuali e lesbiche ugandesi.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->