domenica, Settembre 26

Gates Foundation accusata di favorire le multinazionali Il duro rapporto della ONG inglese Global Justice Now

0

Promuovere la globalizzazione delle multinazionali, sfruttare il proprio ruolo per avvantaggiare i ‘grandi nomi’. E’ questo quanto viene scritto nel rapporto della ONG inglese Global Justice Now nei confronti della Gates Foundation, la fondazione creata dall’ex patron della Microsoft Bill Gates. Un attacco frontale alla sua attività filantropica nel mondo e in particolare nel Continente nero. Il rapporto chiede che l’attività della Gates Foundation sia oggetto di un’indagine internazionale da parte di OCSE e Parlamento inglese. L’accusa è che dietro la facciata caritatevole, la Fondazione promuova i business globali nel campo di alimentazione e salute: «La sua influenza può inclinare pericolosamente le priorità dell’aiuto». La Gates Foundation «spesso sembra essere un enorme, multinazionale integrata verticalmente, che riesce a controllare ogni anello di una catena di fornitura che arriva dalla sala del consiglio con sede a Seattle … a milioni di utenti finali nei villaggi Africa e Asia del Sud». «Gran parte del lavoro della Fondazione sembra bypassare completamente le conoscenze locali proponendo solo soluzioni tecnologiche importate dall’esterno», si legge nel rapporto.

La reazione della Fondazione Gates è stata immediata: «La nostra missione è quella di migliorare la qualità della vita per le persone più povere del mondo. Si tratta di una sfida complessa, che richiede una serie di approcci, nonché la collaborazione dei governi, delle organizzazioni non governative, istituzioni accademiche, aziende for-profit e le organizzazioni filantropiche. I governi sono nella posizione ideale per fornire la leadership e le risorse necessarie per affrontare le disuguaglianze strutturali e garantire che le giuste soluzioni raggiungano i più bisognosi. Il settore privato ha accesso alle innovazioni – per esempio, nel campo della scienza, della medicina e della tecnologia – è in grado di salvare molte vite umane. Crediamo che il ruolo della filantropia sia quello di prendere dei rischi che altri non possono o non vogliono prendersi». «Per noi, i risultati sono misurati in vite salvate e quindi continueremo a lavorare con i governi, non-profit, aziende e altri filantropi per affrontare i complessi problemi della povertà estrema», il commento di Gabriella Stern, portavoce della fondazione. «La Fondazione Gates ha speso circa 34,5 miliardi di dollari sin dal suo inizio, con la sola missione di aiutare le persone in tutto il mondo a sollevarsi dalla fame e dalla povertà estrema. Questo rapporto manipola una serie di affermazioni infondate che sono state fatte da altri e non trovano riscontri dimostrabili».

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->