domenica, Aprile 18

GAIAsmart, per conoscere le città giocando Con la nuova APP viaggiare diventa smart e divertente per grandi e piccoli

0
1 2


Immaginate di voler fare una vacanza, immaginate di vole visitare una città come Torino, o Milano, o Venezia, immaginate di avere due bambini di quattro e sei anni. Avete immaginato? Molto probabilmente rinuncereste alla vacanza prima ancora di iniziare.
Siamo onesti, Venezia è bellissima ma, le gondole, i canali, i ponti e poi i piccioni, no, troppo complicato portarsi dietro dei bimbi piccoli, immaginare che i vostri pargoli entrino in un negozio di vetri di Murano e facciano cadere un piccolo monile, significherebbe risarcire il negozio almeno del doppio del costo di tutta la vacanza. No, meglio scartare Venezia. Milano allora? Si, bellissima, i monumenti, il Duomo e le vie dello shopping, ma con i piccoli? Complicato anche Milano, troppo caos e poi cosa fanno i bambini in giro per negozi o dentro il Duomo? Allora proviamo Torino con la sua magia, specie quella nera, potrebbe essere una bella meta. Si, magari ma, la nostra ipotetica famiglia immagina già i bimbi spaventati della Torino sotterranea.
E allora come fa una famigla con bimbi piccoli ad organizzare una vacanza ad hoc per tutti? Ecco la soluzione al problema, si chiama GAIAsmart, è una nuova applicazione, completamente gratuita che trasforma il viaggio, di grandi e piccoli, in un divertentissimo gioco.
Nell’epoca degli smartphone, dei tablet, delle free wi-fii zone e dei nativi digitali, anche il modo di fare turismo si trasforma e diventa una caccia al tesoro interattiva, una gara avvincente, una narrazione, un gioco da fare insieme agli amici o in famiglia.

E’ arrivata da pochissimi giorni una nuova applicazione, si chiama GAIAsmart (dove GAIA sta per Giochi e Attività Interattive all’Aperto), la nuova App gratuita per gli smartphone è in grado di trasformare ogni viaggio in un gioco. E se si viaggia con i bambini e si vogliono guardare tutte le meraviglie di una città storica ecco che giocare con la cultura diventa un ingrediente importante del viaggio. Una piccola formula magica che trasfroma la vista al museo in un abella gita, in una caccia al tesoro dove grandi e piccoli saranno portagonisti indiscussi. Per turisti (e turisti per caso), per famiglie con bambini, per chi ha voglia di imparare ed esplorare giocando. Per chiunque ami viaggiare e voglia scoprire (o riscoprire) una località camminando all’aria aperta, trasformando la visita turistica in un’esperienza coinvolgente ed emozionante alla ricerca di luoghi misteriosi, angoli sconosciuti e scorci inediti delle più belle città.

L’Idea di GAIAsmart è nata dalla giovane startup ProMuoviti e dalla fervida fantasia di Caterina Pavan, storyteller, Ivan Manca, sviluppatore e Paolo Carli, architetto, GAIAsmart è un’applicazione e allo stesso tempo un catalogo online di itinerari turistici fuori dalle solite rotte. Tappe da raggiungere, enigmi da risolvere, quiz divertenti ed approfondimenti interessanti.

GAIAsmart vuol dire anche turismo sostenibile (ci si muove a piedi, in bici o con i mezzi pubblici) con doppio vantaggio: per il pianeta e per le persone, che vengono spronate e fare movimento all’aria aperta. Al momento i percorsi tematici sviluppati da GAIAsmart sono quattordici ma il numero è destinato ad aumentare. Ecco dove di può ‘giocare’ con la nuova applicazione. Tre itinerari si sviluppano a Milano, sei a Torino, uno a Venezia, uno a Olbia, due a Pinerolo (comune in provincia di Torino) e uno a Torre Pellice (anche questa località si trova in Piemonte). Tutti i percorsi tematici sviluppati trasporteranno il viaggiatore in un mondo magico e permetteranno di scoprire mete sconosciute oppure di guardare luoghi familiari con occhi completamente nuovi, cambiando prospettiva. Utilizzare GAIAsmart è semplicissimo: è sufficiente scaricare gratuitamente l’App, scegliere il percorso che preferite tra quelli disponibili nella zona in cui vi trovate, individuati tramite geolocalizzazione, e iniziare l’avventura.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->