mercoledì, ottobre 24

Gadget personalizzati per le aziende: guida all’uso Gli oggetti promozionali sono un importante strumento di marketing e possono fare una grande differenza in qualsiasi tipo di business

0

Secondo le analisi di mercato, il 72% dei consumatori è portato a rivolgersi ad un brand che gli abbia consegnato un oggetto promozionale. I gadget, infatti, possono fare una grande differenza in termini di conversioni del proprio target di riferimento. Fra le altre cose, i gadget promozionali aiutano nella fidelizzazione dei clienti: sono utilissimi per curare il rapporto con i clienti già acquisiti e per evitare che si rivolgano alla concorrenza diretta. Ecco, quindi, una guida all’uso di questo importante strumento di marketing, spesso non tenuto nella giusta considerazione.

Quali gadget scegliere e dove reperirli?

A contare prima di qualsiasi altra cosa è il budget che si ha a disposizione: la scelta va fatta considerando i costi/benefici. I gadget low cost sono sempre utili, ma per i clienti più importanti per il proprio business sono preferibili oggetti di qualità superiore. Un altro elemento che fa la differenza è la coerenza del gadget con il settore di riferimento dell’azienda: una società hi-tech, ad esempio, potrebbe puntare su delle pennette USB personalizzate con il proprio logo. Oltre alle chiavette troviamo altri esempi come le penne, le matite, i portachiavi, gli scalda-tazze USB e persino i mini-ventilatori. Oggi, grazie al processo di digitalizzazione in corso, è sempre più facile realizzare gadget personalizzati su siti dedicati: qui si possono ad esempio effettuare ordini in pochi semplici passi, scegliendo fra migliaia di articoli, colori e modelli.

Perché utilizzare i gadget promozionali?

I gadget sono utili soprattutto perché aumentano la popolarità e la visibilità del marchio. Avendo il logo aziendale stampato sopra, questi oggetti sono ottimi strumenti per fare brand awareness. Un’altra prerogativa dei gadget, già vista sopra, è la loro capacità di fidelizzare i clienti già acquisiti. In ultimo, i gadget promozionali sono molto utili perché contribuiscono a potenziare l’immagine dell’azienda: a patto che la tipologia di gadget sia effettivamente in linea con il core business.

Come usare questi oggetti personalizzati?

Un’azienda ha diverse opportunità e occasioni per distribuire i propri gadget ai clienti o potenzialmente tali. Una di queste occasioni è la fiera: gli eventi di settore consentono infatti di entrare in contatto con un pubblico settorizzato ma anche molto vasto. Pure le festività come il Natale o la Pasqua rientrano nella lista: è il caso dei regali aziendali a dipendenti e clienti per ringraziarli del lavoro svolto assieme. Infine, anche il lancio di un nuovo prodotto/linea di prodotti può essere un ottimo momento per distribuire questi oggetti. In questo campo non ci sono limiti: largo alla creatività e all’originalità nell’ideazione e distribuzione dei gadget. Più il proprio brand sarà originale più probabilità avrà di rimanere impresso nell’immaginario collettivo. Oggi le strategie di promozione di un’azienda dovrebbero sempre includere un piano strategico che preveda la creazione di gadget: questi oggetti possono dare un contributo importante a qualsiasi business.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore