martedì, Maggio 18

Gabon: ricompare Ali Bongo ma sulle sue condizioni rimane il mistero Un comunicato del Governo gabonese afferma che il Presidente sta recuperando dopo l’ictus e sarà trasferito in un ospedale londinese

0

Dopo un mese dal ricovero presso l’ospedale King Faisal a Riad, in Arabia Saudita, il Presidente del Gabon, Ali Bongo Ondimba verrà trasferito in un’ospedale specializzato di Londra, dove riceverà cure specialistiche riabilitative. Il trasferimento del Presidente gabonese è previsto nei prossimi giorni. Trasferimento voluto dalla moglie Sylvia Bongo Ondimba, ispiratrice del golpe costituzionale assieme al fratellastro del Presidente, il Colonnello Frederic Bongo, capo della Guardia Repubblicana, per garantire la soppravivenza al potere del clan Bongo con il supporto dell’Esercito francese e della massoneria parigina della Grande Loggia d’Oriente.

Un breve comunicato del Governo gabonese afferma che il Presidente sta recuperando, svelando la malattia che lo ha costretto ad un ricovero d’urgenza in Riad: un attacco vascolare celebrale. Secondo il comunicato, Ali Bongo avrebbe recuperato la facoltà della parola e sarebbe assolutamente lucido. Eppure il trasferimento avverrà in segreto, lontano dai riflettori dei media. Molto probabilmente il Presidente gabonese verrà trasferito tramite un Medivac, aereo specializzato nei trasferimenti sanitari internazionali.

Le ottimistiche notizie diramate dal Governo sembrano essere più volte a calmare la situazione politica interna che una onesta radiografia della realtà. Nei sopravvissuti a un ictus celebrale raramente si registra un recupero della coscienza e della parola in così poco tempo. Normalmente riportano danni celebrali che comportano afasia cronica, incapacità di comprendere o di esprimersi in modo corretto. Un anno dopo l’ictus, circa la metà dei pazienti è in questa fase che interferisce con le attività quotidiane e spesso porta ad una diminuzione della qualità della vita e a depressione.

Tutto fa pensare che il ritorno in Patria del Presidente gabonese avverrà tra molti mesi, se non sorgono complicazioni. Ali Bongo potrebbe comunque non essere più in grado di esercitare le funzioni di Capo di Stato, problema che ora il Governo e il clan non si pongono, pare.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->