sabato, Ottobre 16

Fyodor, il robot che è pronto a ‘conquistare’ lo spazio Secondo gli scienziati, sarà inviato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale insieme ad altri astronauti entro il 2024

0

Astronauti nello spazio? Per li momento ancora sì, ma il futuro sono i robot. In realtà questi non dovrebbero sostituire gli umani, ma agire da supporto nelle missioni più delicate. Ed entro il 2024 è pronto ad entrare in servizio il robot cosmonauta russo Fyodor. Secondo gli scienziati, sarà inviato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale insieme ad altri astronauti.

Fyodor, secondo chi lo ha costruito, faciliterà il lavoro sulla Stazione Spaziale. Il robot umanoide è addestrato a compiere movimenti precisi: può spostare oggetti, superare ostacoli, orientarsi nello spazio. E tra l’altro Fyodor sarà il primo pilota robot della navicella Federatsiya.

Ormai la robotica comunque sta avanzando anche nell’ambito spaziale. A confermarlo anche il direttore del Centro di robotica Sberbank Albert Efimov: «In tutto il mondo sta crescendo l’uso della robotica nello spazio. Il corpo umano non è progettato per una lunga permanenza al di fuori della Terra, quindi abbiamo bisogno di assistenti intelligenti e affidabili».

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->